Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

AEROPORTO FIRENZE: “NARDELLA PRIMA DI ESULTARE RILEGGA LE 142 PRESCRIZIONI”

 

“Questa è in realtà una buona notizia. Tutti sanno bene che la valanga di prescrizioni, oggi confermate dal Ministero, sono, di fatto, una ‘bocciatura mascherata’, una pietra tombale sul progetto del nuovo aeroporto di Firenze.

 

L’unico a non saperlo, o a far finta di non saperlo, sembra essere il sindaco Dario Nardella che dovrebbe andare a rileggersi le 142 prescrizioni della Via”. Lo affermano Tommaso Fattori e Paolo Sarti, consiglieri regionali di Sì-Toscana a Sinistra.

 

 

“Il quadro prescrittivo confermato dal Ministero -continuano- evidenzia un numero gigantesco di criticità, non ultime quelle ambientali ed idrogeologiche. Ad esempio, le prescrizioni non dicono semplicemente che deve essere spostato il fosso reale o gli stagni di Focognano, opere di per sé estremamente complesse, ma impongono che poi si verifichi che le specie animali ci vadano per davvero, che la flora attecchisca, e solo dopo si può eventualmente fare l’aeroporto”.

 

 

“Le nuove norme di VIA nazionali erano state scritte apposta per sottoporre il progetto a norme meno stringenti ed evitare questi enormi scogli. Ma adesso i tecnici del ministero chiudono la porta, mettendo una pietra tombale sul nuovo aeroporto, e ribadendo che le leggi a tutela dell’ambiente e della salute devono essere rispettate e che –concludono Fattori e Sarti- non ogni opera può essere fatta ovunque”.