Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

UCCIDE LA MOGLIE, SPARA SUI PASSANTI E POI SI TOGLIE LA VITA.NON E' SOLO UN CASO DI FOLLIA

23.01.2018

 

Ieri Davide Mango ha ammazzato sua moglie. Prima aveva esploso alcuni colpi di fucile in un bar, ferendo il barista. Poi ha sparato a una donna, ha ucciso la moglie, è uscito colpendo dal balcone su chiunque gli capitasse a tiro.


Davide Mango si è poi suicidato. Era un ex vigilante, un sostenitore di Forza Nuova, organizzazione neofascista attiva in Italia.
Certo, un gesto di follia individuale come questo non è ascrivibile tout court all'adesione a quel movimento.
E tuttavia ci chiediamo: com'è che è così alto il numero di "folli" che aderiscono, sostengono, militano in quelle organizzazioni di estrema destra?

 

Vi ricordate Gianluca Casseri? Nel dicembre 2011 spara e uccide Diop Mor e Samb Modou, due senegalesi a Firenze.
E Amedeo Mancini, che quasi due anni fa ha ammazzato di botte per strada Emmanuel Chidi Nnamdi?
Potremmo parlare di Renato Biagetti, di Davide Cesare Dax, Fabio Tomaselli, Nicola Tommasoli...solo alcuni dei giovani negli ultimi anni uccisi da aggressioni o raid di uomini legati alla galassia neofascista o neonazista.

 

Allora forse dovremmo essere meno superficiali, iniziare a leggere dietro i "singoli" casi di follia e dirci un minimo di verità, per evitare che situazioni del genere si verifichino ancora e ancora: le organizzazioni neofasciste sono piene di soggetti come Casseri o Mango. Frustrati, sbandati, risentiti, con il mito della forza, delle armi (che infatti si procurano!), tutti pieni di un linguaggio prevaricatore, machista. 
Il neofascismo è la sintesi politica di questo malessere e, soprattutto in tempi di crisi, diventa il braccio che si mette al servizio delle classi padronali che vogliono conservare l'esistente così com'è. 

 

Per questo bisogna sciogliere queste organizzazioni, contrastarle in ogni modo, evitare che prendano piede e che i loro deliri contagino questo paese, e fomentino giovani o soggetti già deboli o non equilibrati, già in difficoltà.
L'antifascismo va affermato senza mezzi termini, non sostenuto solo a parole, come troppo spesso abbiamo visto fare al PD e a uomini di governo che poi deliberatamente lasciano agibilità e spazi di manovra ai neofascisti...

 

Potere al Popolo si batte e continuerà a farlo perché in Italia si costruisca una diga a tutti i fascismi che tentano di prendere spazio!