Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

27 GENNAIO 1945 LA FINE DI AUSCHWITZ

 

Il 27 gennaio 1945 la fine di Auschwitz.


Il 27 gennaio 2018 a Rosarno brucia la tendopoli dove mille persone, da 8 anni ormai, vivono come bestie.
Muore una donna di soli 30 anni, altre restano ferite.

 


Chi vive nell'inferno di Rosarno?
I braccianti che arrivano in Calabria per la raccolta delle arance, per 2 euro al giorno, schiavi, immigrati.
La tendopoli di Rosarno nasce proprio dopo una rivolta dei braccianti stanchi di subire di tutto e di più dai caporali, minacce fisiche, pressioni psicologiche, condizioni di ricatto, abusi sessuali.


Nessuna Istituzione ha fatto sì che il ghetto di Rosarno fosse superato da soluzioni di accoglienza diffusa e degna di lavoratori vessati. Da 8 anni si vive senz'acqua o servizi igienici.
Non esiste nessun modo migliore di onorare e ricordare i morti se non pensare ai vivi, alle loro pene, alle responsabilità collettive.


Diventare argine a focolai e discorsi razzisti e discriminatori pericolosamente fomentati dall'alto, questo ci resta se davvero pensiamo di non tornare più indietro con la storia.

 

I ghetti di ieri, come i ghetti di oggi, non sono tollerabili per nessun uomo o donna di buon senso.