Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

LA GEOTERMIA ELETTRICA INDUSTRIALE

Sabato 10 febbraio alle ore 16.00 si è tenuto presso il Centro Congressi di Casole d’Elsa (SI) un incontro aperto a tutti i cittadini sul tema “geotermia”. 

 

Gli organizzatori dell’evento sono: il Comitato Difensori della Toscana, la Rete NOGESI (No geotermia elettrica speculativa ed inquinante), Legambiente Valdera e il Comitato per Radicondoli.

 

 

Il fine dell’incontro è informare e sensibilizzare la cittadinanza sul problema “geotermia” e per raggiungere lo scopo sono stati invitati relatori indipendenti capaci di portare informazioni vere, utili, non parziali.  Alla storiella della “geotermia pulita” dispensatrice di benessere, propagandata ancora oggi da politici e industriali in cerca di incentivi pubblici, non crede più nessuno.

Svanito l’incantesimo l’Italia a causa della geotermia   è finita sotto l’attenzione dell’Europa.  I recenti emendamenti   votati dal Parlamento Europeo, che obbligano l’Italia ad operare un maggior controllo sulle particolari emissioni inquinanti prodotte dalle centrali geotermiche, hanno confermato al resto del mondo l’esistenza di un grave problema ambientale.
Oltre alle aree geotermiche tradizionali anche altre aree toscane e di altre regioni sono interessate da nuovi progetti di industrializzazione geotermica. Per tutte, e quindi anche per l’alta Val d’Elsa e l’alta Val di Cecina, la minaccia oltre che ambientale è che venga compromessa l’economia esistente legata alla conservazione del paesaggio che ha visto importanti e diffusi investimenti nello sviluppo dell’agricoltura di qualità e nel turismo.

L’incontro di Casole fa parte di una serie di conferenze promosse dalla Rete NOGESI. Le prime conferenze si sono tenute in gennaio a Scansano (GR), Castel Giorgio (TR) e Latera (VT). Il calendario si protrarrà fino a marzo 2018 con altri incontri in Toscana e Lazio.

Sabato a Casole d’Elsa interverranno:  
LUIGI MICHELI - Geologo: “Geotermia elettrica e risorsa idrica, importanza di un corretto monitoraggio”
CARLO GALLETTI - Legambiente Valdera: “Quanto è rinnovabile la geotermia? Economia circolare e sfruttamento geotermico: due sistemi a confronto”
PINO MERISIO - SOS geotermia: “Gli incentivi alle centrali geotermiche”
GIOVANNA LIMONTA - Comitato Difensori della Toscana: “Aree non idonee alla geotermia? I permessi di ricerca sul nostro territorio”

Per l'occasione verrà presentata l'anteprima del cortometraggio animato intitolato "la geotermia elettrica industriale" realizzato da CARLA PAMPALUNA del Comitato No Geotermia Valdera.