Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

FMI. AFFAMARE I PENSIONATI, LE VEDOVE, GLI ORFANI. COME IN UN ROMANZO SOCIALE DELL'OTTOCENTO.

23.03.2018

Stefano Porcari

 


In Italia le persone oltre i 65 anni sono il 22% della popolazione, la percentuale più alta a livello europeo, seguita dalla Grecia (il 21,3%) e dalla Germania (il 21,1%). Poi ci sono il Portogallo (20,3%) e la Bulgaria (20,1%). E’ ovvio che, nonostante l’innalzamento dell’età pensionabile e le micidiali controriforme previdenziali quali la Fornero, la spesa pensionistica italiana resti più elevata di altri paesi.

 

Con una spesa calcolata al 16% del Pil è la seconda più alta dopo quella della Grecia. Ad affermarlo, con un tono che non promette nulla di buono, è un ‘working paper’ del Fmi curato da Michael Andrle, Shafik Hebous, Alvar Kangur e Mehdi Raissi e dal titolo ‘Italy: toward a growth-friendly fiscal reform’.

 

Nel documento del Fmi si segnala come ci siano molte aree nel sistema pensionistico in cui l’Italia può agire per ridurre la spesa e quindi risparmiare. Il Fmi ovviamente sorvola sulla curva ormai discedente e non più ascendente dell’aspettativa di vita in Italia. Ormai infatti si va in pensione più tardi, ci si cura di meno per motivi economici, aumenta il disagio sociale e quindi si muore di più e prima degli anni passati.

 

Senza ricorrere ancora all’eugenetica (dovete morire prima, ndr), una delle ipotesi che secondo il Fmi potrebbero essere seguite è quella dell’eliminazione della quattordicesima (in Italia appena introdotta sulle pensioni da luglio del 2017 e oscillante tra i 335 e i 655 euro) e di una riduzione della tredicesima sulle pensioni, che potrebbero essere sostituite con “interventi anti povertà”, un refrain questo che ormai sembra impazzare come unico modello di welfare per i miserabili compatibile con i brutali tagli alle spese sociali.

 

Un altro intervento possibile, secondo lo studio del Fmi, andrebbe portato avanti sulle pensioni di reversibilità e quindi, come nell’Ottocento, contro le vedove (e i vedovi ovviamente).

 

Le pensioni che in Italia vengono assegnate a fronte della morte del congiunto equivalgono al 2,75% del Pil, e sono le più alte in Europa (forse perché, come dimostrato, ci sono più persone anziane? Ndr). Gli economisti del Fmi chiedono quindi di fissare un’età minima affinchè il coniuge vedovo ne benefici e di eliminare la possibilità che ne beneficino altri familiari. Alzando l’età minima, il Fmi si augura probabilmente che il coniuge superstite si affretti a raggiungere quello deceduto “prima” di poter usufruire della pensione di reversibilità. E i figli, che magari restano orfani? Si arrangino, è un problema loro e si diano da fare.

 

Ma il ricettario del Fmi non è finito. In fondo c’è un’altra terapia dolorosa, destinata soprattutto – e guarda caso – a quei paesi euromediterranei dove c’è un alta componente di lavoro autonomo (Italia, Spagna, Grecia). Infatti in tema di contributi previdenziali lo studio evidenza la disparità tra i contributi pagati dei lavoratori dipendenti (al 33% del salario) e quelli dei lavoratori autonomi e chiede di alzare ad almeno il 27% dall’attuale 24% l’aliquota di questi ultimi. Nessun accenno, ovviamente, in termini di ritorno pensionistico.

 

Anche sul terreno dei trattamenti pensionistici i tecnocrati delle elites sembrano ormai aver perso i freni inibitori e non si preoccupano di nascondere le loro soluzioni che somigliano tanto a quelle naziste, come il medico che in un dibattito televisivo con Cremaschi e la Fornero sosteneva con supponenza insopportabile che oggi si può lavorare tranquillamente fino a settanta anni. Così il periodo di quiescenza e del trattamento previdenziale diventa corto corto, con grande risparmio sui costi. Non quelli umani evidentemente. Questi qui vanno fermati, con ogni mezzo necessario, ne va della nostra sopravvivenza.