Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

IL GOVERNO SI E' DIMESSO, MA REGALA 500 MILIONI ALLE SCUOLE PRIVATE

27.03.2018

 

 

Il governo Gentiloni si è dimesso, ma non smette di far danni. Con una delle tante mosse dell’ultimo minuto, la Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli ha firmato un decreto per finanziare le scuole private. Che quest’anno si vedranno assegnare 493.562.302 euro. Mezzo miliardo, così, a gratis, contravvenendo per l’ennesima volta l’obbligo costituzionale (Art. 33, “Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato”).

 

Non basta, però. Nelle stesso tempo il MIUR sta portando avanti il lavoro tecnico che consentirà alle scuole paritarie di accedere ai fondi del Programma Operativo Nazionale (PON), come previsto dalla legge di stabilità per il 2017 (opera di Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan, dunque) che, all’articolo 1, prevede l’accesso al PON sia per le scuole statali che, appunto, per le paritarie.

 

Né si può dire che questa procedura di privatizzazione dell’istruzione supportata con soldi pubblici avvenga all’insaputa dell’Unione Europea. Nel luglio del 2017, infatti, era stata proposta la modifica dell’Accordo di Partenariato, accettata e perfezionata dalla Commissione Ue l’8 febbraio scorso.

 

La procedura è in questo caso particolarmente rapida. La modifica dell’Accordo di Partenariato e del Programma operativo è stata illustrata alle parti sociali del 14 marzo scorso, è già il il giorno successivo – 15 marzo – la proposta di modifica del PON da parte del Ministero è stata discussa nella riunione del Gruppo Istruzione della Commissione Europea.

 

Sia detto sommessamente: chi ancora crede, “a sinistra”, che si possa “riformare la Ue” è un complice consapevole di questi disastri…