Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

BOERI CONTRO I CINQUE STELLE: E' SCONTRO SUI COSTI DEL REDDITO MINIMO

Roberto Ciccarelli

 

Precarietà fa rima con povertà e il reddito di inclusione di Renzi, Poletti e Gentiloni esclude l’80% dei poveri. Sui costi del reddito di cittadinanza scontro tra Boeri e i 5 Stelle. Intanto, l’Agenzia delle entrate certifica: «10 milioni di italiani guadagnano troppo poco per pagare le tasse»

 

Stato asociale. Il governo uscente e il presidente dell'Inps a fine mandato polemizzano con il Movimento 5 Stelle sui costi del "reddito di cittadinanza", in realtà un "reddito minimo". Numeri sulle spalle di precari e disoccupati. Il presidente dell’Inps: «Vale 38 miliardi». M5S reagisce: «Basta bugie: l’Istat dice 14,9». Al prossimo esecutivo è stato chiesto di continuare a finanziare l'attuale "reddito di inclusione" (ReI): un reddito minimo modesto che esclude l'80 per cento dei poveri assoluti anche se si cerca di allargare la platea

 

Lo scontro sui costi del fantomatico «reddito di cittadinanza» del Movimento 5 stelle – in realtà un reddito minimo condizionato all’inserimento lavorativo e alla riqualificazione professionale – continua. Ieri l’hanno rilanciato il governo uscente, con il presidente del Consiglio Gentiloni e il ministro del lavoro Poletti, e il presidente dell’Inps in scadenza, Tito Boeri che ha precisato di essere «alla fine del mandato» e di applicare «in ogni caso quello che decidono i governi».

 

L’OCCASIONE è stata fornita dalla presentazione dei dati dell’osservatorio statistico sul reddito di inclusione (Rei), ovvero una misura contro la povertà sotto-finanziata, non universale, selettiva e condizionata all’accettazione di un’offerta di un lavoro, pena la perdita del diritto di beneficiare di massimo 485,41 euro al mese (per una famiglia di 5 o più individui); 382 euro (per quattro); 294 (tre); 294 (due); 187 (uno).

 

NEL PRIMO TRIMESTRE 2018 l’importo medio mensile del ReI è di 297 euro e varia da un minimo di 225 euro per la Valle d’Aosta ai 328 per la Campania. Le regioni del sud hanno valore medio più alto di quelle del Nord e del Centro. Il ReI avrebbe raggiunto 317 mila persone, 110 mila famiglie, sette su dieci risiedono al Sud. Altre 477 mila hanno avuto il sostegno di inclusione attiva (Sia), una Social Card 2.0 assorbita dal ReI. L’intenzione è quella di raggiungere una platea di 2,5 milioni di persone che dovranno spartirsi 1,7 miliardi nel 2018, 1,845 miliardi a decorrere dal 2019 molto più vasta di quella inizialmente prevista (1,8 milioni di individui, 500 mila famiglie):, parte delle quali destinate a rafforzare i servizi. Toccherà al prossimo governo, quando ci sarà, trovare le risorse per rifinanziare la misura.

 

PUR CON ALCUNE differenze – il ReI è rivolto alle famiglie, il «reddito» dei Cinque Stelle agli individui – gli strumenti rispondono alla stessa logica. Il ReI, voluto dal Pd, è sottofinanziato, quello di M5S sarebbe pari a 14,9 miliardi all’anno (stima Istat nel 2016). Lo stesso governo targato Pd, anche su impulso dell’ «Alleanza contro le povertà» (composta anche da Acli, Caritas e Cgil), ha riconosciuto che il ReI è sotto-finanziato e avrebbe bisogno di 7 miliardi all’anno per coprire 4 milioni e 742 individui. I Cinque Stelle pensano di ampliarlo ai poveri relativi 8 milioni e 465mila persone. Per questo è più alto. Il reddito dei Cinque Stelle arriva fino a 780 euro, calcolato sul 60% del reddito mediano netto, destinato a decrescere in un ristretto periodo di tempo e a condizione di non rifiutare una offerta di lavoro su tre. Sono gli stessi criteri del ReI, i pilastri delle politiche neo-liberali del lavoro: obbligatorietà, condizionatezza e attivazione finalizzata all’«occupabilità» del precario o del disoccupato. Cambiano solo le modalità di applicazione e gli importi. Una continuità oscurata anche ieri nel teatro della propaganda permanente post-4 marzo.

 

L’ESECUTIVO targato Pd e l’Inps, di nomina governativa, hanno rilanciato una leggenda creata dagli stessi Cinque Stelle: il loro è un «reddito di cittadinanza», costoso e inapplicabile. «Costerebbe ra i 35 ed i 38 miliardi di euro» ha sostenuto Boeri che ha «rimproverato» chi ha «imbracciato la bandiera del reddito minimo» dopo avere «scoperto nelle ultime settimane una misura che già c’è».

 

OSSERVAZIONE ingenerosa perché i Cinque Stelle propongono il loro controverso «reddito» dal 2013 (allora lo fece anche la SeL di Vendola che appoggiò una proposta di legge sostenuta dai movimenti e dal Basic Income Network Italia, qui l’intervista al presidente dell’associazione Luca Santini). È accaduto ben prima che il Pd si svegliasse quattro anni dopo con il «Rei». «La mia impressione è che Boeri conosca la materia meglio dei 5 Stelle» ha aggiunto Carlo Calenda, premendo il tasto dell’«incompetenza» dei Cinque Stelle, un argomento che non ha giovato al Pd nella disfatta del renzismo. Gentiloni, impegnato a difendere l’operato del governo uscente, ha chiesto di «non buttare a mare il lavoro fatto per la fiera delle velleità». «Basta bugie», hanno risposto i capigruppo di Camera e Senato M5S, Giulia Grillo e Danilo Toninelli. «Per l’Istat costa 14,9 miliardi di euro più 2 miliardi per riformare i Centri per l’Impiego». Lo scontro sulle cifre prosegue da anni. Nel 2015 l’Inps calcolò 29 miliardi. «Boeri si concentri piuttosto sul clamoroso pasticcio relativo al cumulo pensionistico gratuito per i professionisti. Abbiamo 15 mesi di ritardo e tanta gente che nel frattempo è andata in quiescenza sperando in quella certezza del diritto che le istituzioni non riescono affatto a garantire», la senatrice Nunzia Catalfo che ha seguito l’elaborazione del reddito per i Cinque Stelle.

 

LA POLEMICA riguarda solo i conti, ma non la questione etico-politica se sia giusto sottomettere i vulnerabili alla tragica scelta tra il ricatto del lavoro qualsiasi in cambio di un sussidio e lo spettro di essere considerati «buoni a nulla» ma disponibili a fare qualsiasi cosa per meritare «i sussidi». Su questo aspetto tutti sembrano d’accordo. Il problema non è nemmeno percepito, ma costituisce il dilemma del «workfare» che si vuole istituire anche in Italia. Basta vedere il film di Ken Loach: «Io, Daniel Blake».