Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

ILVA :ROTTURA AL TAVOLO CONVOCATO DA CALENDA

12.05.2018

 

“La proposta del governo sulla vertenza Ilva è irricevibile. La trattativa non è mai entrata nel merito, ma nulla è comunque cambiato sull’occupazione. La Fiom non mette la firma su un accordo che prevede licenziamenti”. Lo ha affermato ieri il sindacato dei metalmeccanici della Cgil, la Fiom, su Twitter al termine dell’incontro al ministero dello Sviluppo che si è concluso con un nulla di fatto. “Nella proposta – ha specificato poi la segretaria generale Francesca Re David – non ci sono cambiamenti da parte di Mittal. Il problema è che tutto il negoziato è condizionato dal contratto di affitto e la trattativa è bloccata da questo contratto. Mittal – osserva ancora la dirigente sindacale – non ha bisogno di un accordo sindacale per acquisire l'Ilva, l'accordo è solo vincolante per averla alle condizioni imposte dalla società. Noi non potremmo mai firmare un accordo che poi ci viene bocciato dai lavoratori”. A suo giudizio la questione non è politica, bensì sindacale. “A me non interessa da chi è formato il governo, ma interessa il merito”, spiega Re David, rispondendo alle accuse di aver respinto il piano Calenda per aspettare il prossimo esecutivo. Oggi è stato fatto “solo qualche cambiamento da parte del governo e non di Mittal che non si è spostata mai di un centimetro. I lavoratori boccerebbero l'accordo, noi non siamo al servizio di nessuno”. "Per quanto ci riguarda – aggiunga le sindacalista – siamo pronti a riprendere il negoziato senza vincoli predeterminati”.

Alcune ore dopo l'interruzione della trattativa la Fiom ha reso noti nel dettaglio i punti di dissenso. Il documento nella sostanza, per i meccanici della Cgil, non rappresenta altro che la sintesi dei punti e delle condizioni che il Governo ha negoziato con ArcelorMittal e che da ormai diversi incontri viene riproposto alle organizzazioni sindacali come possibile accordo. Vengono riconfermati i 10.000 lavoratori che ArcelorMittal intenderebbe assumere sempre con il criterio della discontinuità formale e non sostanziale del rapporto di lavoro. "Unitariamente abbiamo ribadito che l’acquisizione di Ilva non può prescindere dai circa 14.000 lavoratori coinvolti e che ArcelorMittal deve farsi carico di tutti i lavoratori. Assunzione che deve essere effettuata in continuità del rapporto di lavoro. Viene data la possibilità per ArcelorMittal, a partire da subito e fino al giugno 2021, di esternalizzare una serie di attività da lei individuate affidate a una società di servizi di nuova costituzione con la presenza di Ilva e da Invitalia aperta alla partecipazione di altri soggetti pubblici e privati a cui sarebbe collegata un’operazione di esternalizzazione di 1.500 lavoratori", spiega la nota.
Si tratta di "lavoratori che per un certo periodo ruoteranno anche in Cigs e che non passeranno ad ArcelorMittal. Questa operazione - da noi giudicata inaccettabile - consentirebbe ad ArcelorMittal di esternalizzare una serie di attività e di lavoratori in una prima fase alla 'procedura' e in un secondo tempo ad aziende terze che si occuperebbero di queste attività. ArcelorMittal inizierebbe da subito a esternalizzare le attività senza alcun vincolo e garanzia per i lavoratori coinvolti".
"Per i rimanenti lavoratori vengono individuati una serie di strumenti per favorire esodi volontari, attraverso incentivi economici, outplacement, autoimprenditorialità e accompagnamento alla pensione. Per questi interventi il Governo mette a disposizione fino a 200 milioni di euro per garantire importanti piani di incentivazione all’esodo – aggiunge la Fiom –. Strumenti, che anche per alcuni di essi di carattere volontario, contrastano con la richiesta sindacale di garantire i livelli occupazionali".
Sulla base di questi punti, "abbiamo ritenuto unitariamente non sottoscrivibile il testo consegnato dal Governo, e di conseguenza l’interruzione della trattativa fino a quando non interverranno novità rilevanti rispetto alle richieste avanzate unitariamente dai sindacati. Alla luce della situazione attuale è necessario continuare con le assemblee dei lavoratori sia per un aggiornamento della situazione sia anche per valutare l’avvio di una fase di mobilitazione sindacale", conclude la Fiom. La bocciatura è condivisa dai metalmeccanici di Cisl e Uil. “Il testo non è condivisibile”, aggiunge Rocco Palombella (Uilm). “Gli esuberi restano”, conferma Fabrizio Bentivogli (Fim). Secondo quanto riferiscono i sindacati, a sospendere il tavolo sarebbe stato il ministro Carlo Calenda perché secondo alcuni “non legittimato a trattare”. I rappresentanti dei lavoratori sperano comunque in una ripresa della trattativa. “Per noi è importante andare avanti – sottolinea Palombella – ma non si può trattare con i diktat. Affidiamo alla responsabilità del governo, che per noi è ancora un valido interlocutore, di riconvocare ancora il tavolo”.

Duro anche il giudizio dal sindacato dei territori dove operano gli stabilimenti Ilva. "Il Governo un minuto prima di andarsene, tenta di scaricare sul sindacato le sue responsabilità contenute nell’accordo segreto siglato con Mittal che un anno fa ha precostituito: esuberi, taglio del salario e aggiramento della legge dello Stato che prevede la continuità del rapporto di lavoro, possibilità di esternalizzare attività ora gestite in modo diretto e, per Genova, il non rispetto dell'Accordo di Programma. Scrivere, come ha fatto il governo che convocherà un tavolo per attuare gli impegni dell'Accordo di programma mentre si confermano 600 esuberi a Genova è una bella presa in giro, che la Fiom Cgil respinge al mittente", si legge in una nota di Bruno Manganaro, segretario generale della Fiom di Genova. "Gli ultimi 10 mesi, il Governo li ha passati cercando di farci ingoiare questi rospi, atteggiamento reiterato nell’incontro di oggi dove ha ripresentato lo stesso schema, con qualche brillantino (vedi incentivi all'esodo). Una delle più grandi aziende siderurgiche in Europa svenduta con meno lavoratori ed in condizioni peggiori: è questo che offre il Governo al Paese. Per la Fiom Cgil, Mittal può acquisire Ilva nel rispetto della continuità del posto di lavoro, reddito, diritti e nel rispetto dell'Accordo di Programma per Genova e questo è il messaggio che ci sentiamo di consegnare al prossimo esecutivo", conclude il sindacalista.