Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

MORTI SUL LAVORO, UN BOLLETTINO DI GUERRA. IL NOSTRO CORDOGLIO PER L'ENNESIMA VITTIMA

 

17.05.2018

 

COMUNICATO STAMPA

 

ILVA – PRC: “Morti sul lavoro: numeri di una mattanza. Serve lo sciopero generale.

 

Maurizio Acerbo e Enrico Flamini, segretario nazionale e responsabile Lavoro di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, dichiarano:

Questa mattina all’Ilva di Taranto si è verificato l’ennesimo incidente mortale ai danni di un lavoratore. Angelo Fuggiano, di 28 anni, dipendente della ditta Ferplast, è morto travolto da un’enorme fune d’acciaio.

E’ la quarta morte sul lavoro in pochi giorni – dopo quelle di Carrara, Monfalcone e La Spezia, e senza contare i lavoratori delle Acciaierie Venete di Padova che lottano per rimanere in vita. Sono i numeri di una mattanza; un bollettino di guerra che ci dice una cosa inequivocabile: nell’Italia di oggi, nell’Italia del Jobs Act e della precarietà di massa, la vita di lavoratori e lavoratrici vale meno del denaro che le imprese devono spendere per garantire condizioni di sicurezza.


All’Ilva si tratta – come accade molto spesso – della cronaca di una morte annunciata: lavoratori delle ditte degli appalti esterni che lavorano fino a 12 ore, non si investe su sicurezza e manutenzione, i sindacati avevano scioperato poco tempo fa proprio denunciando la situazione.


Questo è il volto feroce della nuova lotta di classe: quella che i ricchi stanno portando avanti contro la gente che lavora. Per contrastare questa offensiva è necessaria la più ampia mobilitazione, in tutto il paese, fuori e dentro i luoghi di lavoro.


Rifondazione Comunista si stringe accanto alla famiglia di Angelo Fuggiano e sostiene ogni iniziativa di lotta che verrà messa in campo dalle rappresentanze dei lavoratori.
Per i governi e le imprese salvare la vita di lavoratrici e lavoratori non è un’emergenza da affrontare.
Ci vuole uno sciopero generale per pretendere che il prossimo governo ponga fra le sue priorità la sicurezza nei luoghi di lavoro e il ripristino e l’estensione dei diritti cancellati negli ultimi anni”.