Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

ALL'OPPOSIZIONE LA NOSTRA SFIDA

 

Norma Rangeri

da Il Manifesto

 

Non c’è ancora un presidente del consiglio, non conosciamo i ministri e non sono dettagli di secondaria importanza.

Ma se questo è il programma, avremo un governo segnato da una forte impronta culturale. Vedremo all’opera una politica della giustizia, dell’ordine pubblico, dell’immigrazione e delle libertà civili che in Europa è già al governo in Ungheria.

Ci fosse una sinistra starebbe all’opposizione anche se con qualche problema a trovare ancora posti liberi.

Tanto affollamento nell’area dei contrari è perlomeno sospetto, a meno di sostenere che il fascismo è alle porte.

Una sinistra starebbe all’opposizione ma distinta e distante da quelli che si siedono affranti sulle poltroncine di Porta a Porta perché stanno arrivando i barbari e si parla di debito pubblico. Oltretutto, come si sa, i barbari furono capaci di rinvigorire la radice romana.

Il primo attore di questo teatro delle opposizioni è Berlusconi che si candida a sentinella dell’Unione europea e ci rassicura sull’inesistenza dei complotti. Come se non fosse stato proprio lui a parlare di quattro o cinque colpi di stato durante il suo governo.

Della compagnia di giro fa parte anche il quasi ex ministro Calenda, che sprona il Pd a scendere in piazza: potrebbe essere l’occasione per scoprire quali folle risponderebbero all’appello.

I giornali sono schierati come un sol partito dietro il Financial Times.

E Bruxelles difende l’indifendibile senza rendersi conto che, se non cambia rotta, alle prossime elezioni europee avrà contro la maggioranza dei paesi membri.

Questa è la ricca compagnia. Verrebbe voglia di andare controcorrente.

Un’opposizione di sinistra ai 16 milioni di elettori che il 4 marzo hanno votato Lega e 5Stelle è una bella sfida.

Perché l’esperimento del laboratorio politico giallo-verde ci metterà di fronte a scenari inediti.

Se non sono solo e tutte chiacchiere (come sembra con il dietro-front sulla Tav), non ci vorrà molto a scoprirlo.

Se invece sul fronte delle politiche sociali e ambientali si metteranno in campo cambiamenti veri, su quel terreno la sinistra già lottava quando di Di Maio e compagnia non v’era traccia.