Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

I LAVORATORI POSTALI TRA L'INCUDINE E IL MARTELLO

 

Ovvero: come i giorni alterni sono diventati una realtà nazionale, senza il mandato dei lavoratori e senza un Referendum interno come prevede il CCNL di Poste italiane

 

Merita un capitolo a sè il modo e il metodo di come si è giunti a siglare l'accordo sul recapito a giorni alterni quale modello base nazionale. La tradizione storiografica vuole che un accordo imprenditoriale tra le parti coinvolga da una parte l'Azienda col mandato degli azionisti, dall'altra le OO.SS con il mandato dei lavoratori.

 

E' proprio vero che i tempi mutano. Il modo: l'accordo dei giorni alterni trova uniti azienda e le oo.ss nazionali postali (Cisl, Cgil, Uil, Failp, Confsal, Ugl) che l' 8  febbraio 2018, siglano l'ipotesi di accordo.

Il metodo: occorre un passaggio, ottemperare le disposizioni del Testo Unico sulla Rappresentanza che stabilisce la validità degli accordi sottoscritti da cgil-cisl-uil ecc. dopo ratifica delle RSU (rappresentanti unitari sindacali).

 

Viene confezionata una commissione di 97 RSU una selezione schiumata con precisione su ben 2200 RSU presenti su tutto il territorio nazionale. Difatti come si dice, a pensar male si fa peccato, ma spesso non si sbaglia: venerdì 2 marzo 2018 alle ore 11.00 una delegazione nazionale di 97 RSU ha firmato a Roma, all’insaputa di tutti i lavoratori, l’ipotesi di accordo sulla nuova riorganizzazione dei servizi postali senza il benché minimo confronto con la categoria ma col mandato dei vertici delle stesse organizzazioni firmatarie dell’ipotesi.

 

Ciliegina finale, molti dei 97 RSU "firmaioli", molte decine di questi, non appartiene al recapito o comunque non lavora più da anni ( sono segretari provinciali e regionali), complici di questo sistema antidemocratico che verrà adottato per tutti gli accordi futuri.

 

Con questa riorganizzazione saranno tagliate oltre 4000 zone di recapito. In Toscana saranno oltre 550. A fronte di 15.000 esuberi, e di un saldo negativo di 9000 posti di lavoro persi, 6000 sono le assunzione sbandierate dalle parti firmatarie .

 

Seguiranno alla riduzione di migliaia di unità di lavoratori, i turni pomeridiani, la consegna il sabato e, se serve, la domenica; l'ampliamento delle zone di consegna; lo spostamento continuo dalla propria zona; si introduce il concetto della prestazione “a saturazione” dell'orario, non più quindi con criteri che mettono insieme numero pezzi, tempi necessari e spazi da percorrere, ma solo il criterio stabilito dai capisquadra/responsabili che ogni giorno determinano quanto “saturare” i lavoratori.

 

Al peggioramento del servizio offerto corrisponde il peggioramento delle condizioni dei lavoratori con carichi di lavoro ed orari peggiorativi. E' il più grande taglio occupazionale mai effettuato in poste e che incanalano l’azienda verso una ulteriore privatizzazione.

 

I lavoratori e i cittadini, i Sindaci che tanto si sono spesi nella nostra Provincia subiscono la nuova riorganizzazione dei servizi postali, il repentino smantellamento del servizio di recapito, del servizio pubblico.

 

Restano fuori dal recapito a giorni alterni solamente le città di Milano, Napoli e Roma dove verrà attuata una rivoluzione dal punto di vista lavorativo con l’introduzione di turni pomeridiani fino oltre le ore 21,00 che andranno a stravolgere la vita personale e lavorativa di moltissimi postali, anche nel bancoposta con la sperimentazione dei nuovi turni 10,00 – 17,42 o addirittura 11,30 - 19,12, a fronte, tra l’altro, di un salario tra i più bassi in Italia.  

 

Invitiamo tutti i lavoratori a far sentire la propria voce e a delegittimare questi soggetti che stanno distruggendo il servizio riducendo l’occupazione, compromettendo la nostra stabilità, penalizzando i cittadini e svendendo un patrimonio pubblico come le poste.                                                                        

Non ci hanno fatto votare, votiamo scioperando!                      25 maggio 2018 Sciopero Generale Nazionale dei Sindacati di Base con manifestazione a Firenze.

FATEVI CONTARE, SCIOPERATE!!