Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

PAGARE DI PIÙ I LAVORATORI STAGIONALI

Follonica, 20 Giugno 2018.

Partito della Rifondazione Comunista

 

Abbiamo letto con attenzione l’articolo dell’Associazione Ristoratori Castiglionesi che si lamenta perché non riesce a trovare lavoratori giovani alla prima esperienza, ma abbiamo letto anche i commenti all’articolo apparsi sui social online. “Dovete pagarci”, “ vogliamo essere retribuiti il giusto”, “ non vogliamo più essere sfruttati”, “ pagateli !”. Tutti i commenti sono di questo tono e ci trovano d’accordo.

 

Le leggi degli ultimi decenni hanno facilitato lo sfruttamento “legalizzato” dei lavoratori e delle lavoratrici. Voucher, contratti a chiamata, cancellazione dell’Articolo 18 dello Statuto dei lavoratori (solo Rifondazione raccolse le firme contro la sua cancellazione, ma il Presidente Napolitano sciolse le Camere dopo la consegna delle firme per nominare il Governo Monti), introduzione del jobs act. Dobbiamo continuare ancora? Ora basta !

 

I lavoratori e le lavoratrici devono aver diritto a un lavoro e a uno stipendio dignitoso, anche nel rispetto di quella Costituzione difesa con il voto del referendum del Dicembre 2016.

 

I giovani sono stufi di essere ricattati e giustamente si ribellano a questo stato di cose.

 

Forse le associazioni padronali dovrebbero capire che ormai è finita l’era del ricatto e che non è vero che il lavoro non c’è: è che non lo volete pagare.

 

Inoltre, il richiamo alle problematiche della “scuola alberghiera” vuole forse essere un’allusione alla possibilità di far lavorare i giovani utilizzando la legge dell’alternanza scuola-lavoro? Quindi farli lavorare gratis? 

 

Se le normative (vedi ad esempio gli studi di settore) danneggiano i piccoli imprenditori, i datori di lavoratori dovrebbero protestare contro di esse e non a far ricadere la colpa sui giovani che cercano un lavoro, magari per mantenersi gli studi o per comprare il loro scooter o per pagarsi la prima vacanza. Oppure per essere semplicemente più indipendenti economicamente dai genitori.

 

Come sempre saremo dalla parte dei lavoratori. Criticando tutte quelle scelte che mirano a ridurre i diritti e i salari dei lavoratori. Lo abbiamo fatto contro i governi Berlusconi, Monti e Renzi.

Lo faremo oggi contro il governo Salvini-Conte, se non rispetterà la premessa di cancellare il Jobs Act.