Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

LA CORTE COSTITUZIONALE BOCCIA UNA DELLE "PERLE DI RENZI":IL PRELIEVO FORZOSO SULLE PROVINCE. "E' ESATTAMENTE QUELLO CHE AVEVAMO SEMPRE SOSTENUTO"

09.07.2018

 

“Insostenibili, gravosi e irresponsabilmente replicati negli anni, a partire dal 2013 a oggi. È quello che abbiamo sempre sostenuto rispetto ai prelievi forzosi applicati alle casse delle province e che hanno determinato una situazione di generalizzato dissesto”. Così la Fp Cgil commenta quanto stabilito dalla Corte costituzionale che ha giudicato illegittimo il prelievo forzoso imposto dallo Stato ai danni delle province, aggiungendo che: “Con il pronunciamento della Consulta, in linea con quanto da anni sosteniamo, finalmente si fa giustizia su di una legge di ‘riforma’ che ha portato le Province e le Città metropolitane sull’orlo di un baratro, tra tagli alle risorse, servizi che arrancano e lavoratrici e lavoratori in costante rischio”.

 

Dal 2013 a oggi, aggiunge la Fp Cgil, “in ragione del prelievo forzoso, sono state sottratte dalle casse delle Province risorse pari a oltre 4,3 miliardi di euro, che hanno determinato effetti negativi concreti sui lavoratori e sui cittadini. Servizi quali, ad esempio, la manutenzione di strade e scuole in molte situazioni non sono da tempo erogati, per non parlare poi del mancato pagamento di stipendi, così come di tantissimi enti in situazione di vero e proprio dissesto. Per queste ragioni, alla luce della sentenza dell’alta corte, ora è tempo di garantire a questi enti risorse tali da offrire ai cittadini le risposte che meritano in termini di servizi e alle lavoratrici e ai lavoratori la tutela dei loro diritti”, conclude la Funzione Pubblica Cgil.

 

Se volete aggiungere commenti, impressioni  potete scrivere a info@rifondazionesantafiora.it