Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

AEROPORTO FIRENZE, FATTORI REPLICA A GIANI: “IL NUOVO SCALO DI PERETOLA UNA SVOLTA ECOLOGICA? FORSE PENSAVA AGLI ALIANTI”

08/08/2020

 

“Nell’ennesimo scivolone di questa campagna elettorale, Eugenio Giani esalta oggi in un’intervista il nuovo aeroporto di Firenze come ‘svolta ecologica’ perché, dice, farebbe cessare ‘l’inquinamento acustico sulla testa di 50mila persone’.

Dato che nessun atto del Governo PD, Renzi e M5s, né tantomeno il Masterplan di Enac e Toscana aeroporti, riserva il nuovo aeroporto di Peretola agli alianti, Giani ci sta dicendo che ritiene ecologico togliere il rumore dalle orecchie di 50 mila fiorentini, per metterlo nelle orecchie di altrettanti fiorentini interessati dalla nuova pista oltre che di tutti i vicini sestesi, campigiani e pratesi. Più che una svolta ecologica mi pare un frontale su un muro di cemento” così Tommaso Fattori, candidato presidente della Regione per Toscana a Sinistra replica all’intervista uscita oggi su Repubblica Firenze.

 

“Sapevamo che per Giani e il Pd esistono toscani di serie A e toscani di serie B e che hanno un’idea confusa di cosa sia l’ecologia, ma qui siamo alla farsa – prosegue Fattori -. Il progetto del nuovo scalo di Peretola è già stato bocciato dal Tar e dal Consiglio di Stato in quanto ‘incompatibile con il territorio e contrario all’interesse pubblico’, altro che svolta ecologica”.

 

“L’unica svolta ecologica per le cittadine e i cittadini della Piana fiorentina è cestinare il Masterplan e concentrare le risorse pubbliche in due opere fondamentali per quell’area: Parco agricolo e Polo scientifico – conclude il candidato presidente di Toscana a Sinistra -. Ambiente e ricerca scientifica, questa è la nostra visione, alternativa a quella di Giani e Ceccardi. Se i comuni della piana e i comitati vogliono questo futuro, sanno a chi affidare il governo della Regione”.