Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

Sabato 5 settembre – ore 18 nel giardino della Biblioteca Comunale di Storia dell’arte di Montemerano

02/09/2020

Sabato 5 settembre 2020 – ore 18

Alla Biblioteca di Storia dell’arte di Montemerano

Presentazione del libro di Roberto Bianchi

1919. Piazza, mobilitazioni, potere

Ne parla con l’autore Lucio Niccolai

Roberto Bianchi, docente di Storia contemporanea all’Università di Firenze, terrà una conversazione, sulle manifestazioni, i movimenti e le vicende che caratterizzarono l’immediato dopoguerra, e in particolate il 1919, un anno cruciale della storia d’Italia, da sempre molto discusso dalla storiografia e dalla saggistica politica, ma ancora poco capito.

Come si legge nella retrocopertina di 1919 Piazza, mobilitazioni, potere, l’ultimo libro pubblicato da Roberto Bianchi per l’Università Bocconi Editore di Milano, infatti il 1919 fu «Un anno pieno di speranze e tragedie; il primo di un Grande Dopoguerra che si sarebbe rivelato tanto grande e brutale quanto grande e totale era stata la Grande Guerra. La pace, insomma, non colmò le trincee interne scavate negli anni precedenti. Mentre a destra si amalgamava quella miscela di anticonformismo, sciovinismo nazionalista, sovversione e militarismo maschilista che dalla spedizione dannunziana a Fiume si sarebbe riversata nel fascismo, nel 1919 a irrompere sulla scena pubblica furono soprattutto masse popolari desiderose di un cambiamento, di strappare conquiste tangibili e con un forte bisogno di affermare identità e ruoli pubblici. Protagoniste di quei sommovimenti tumultuosi furono folle di uomini e donne coinvolti in un rapido processo di alfabetizzazione politica che la guerra aveva contribuito ad accelerare. Sono proprio questi attori, solitamente invisibili sulla scena della grande storia, che rendono tanto interessante lo studio di quel periodo.»

Roberto Bianchi è autore di studi su società e politica tra ’800 e ’900, sulla Grande guerra e il fascismo, sulla conflittualità sociale e le proteste (tra cui, riferibili al periodo oggetto della conversazione di Montemerano, anche Bocci Bocci. i tumulti annonari nella Toscana  del 1919, Olschki 2001 e Pane, pace, terra. Il 1919 in Italia, Odradek 2007), sulla storia dell’associazionismo e della massoneria, sulle relazioni tra Italia e Francia, sulle rappresentazioni del passato nei fumetti. Ha fatto parte delle redazioni di Histoire & Sociétés e Zapruder. Socio fondatore del Groupe d’Histoire Sociale (2001), di Storie in Movimento (2002), della SISLav (2012) e della Associazione italiana di public history (2017), è vicepresidente dell’Istituto storico toscano della resistenza e dell’età contemporanea e fa parte di Passato e presente (rivista e associazione) dal 2013.