Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

CHI HA PAURA DI GINO STRADA ? PERCHE' IL GOVERNO NON LO NOMINA?

17/11/2020

Maurizio Acerbo, segretario nazionale

Rosa Rinaldi, responsabile gruppo sanità

 

Si sta trasformando una questione terribilmente seria come la nomina di un commissario alla sanità in Calabria in una vera e propria farsa.

 

Bisognerebbe smetterla! Siamo al ridicolo del terzo commissario costretto alle dimissioni. Abbiamo già sostenuto che a fronte di una disponibilità richiesta dal governo e dichiarata da Gino Strada bisognerebbe semplicemente conferire l’incarico al presidente di Emergency, che ha dato prova delle capacità sanitarie e organizzative con interventi in tutto il mondo, oltre che in Italia e nella stessa Regione Calabria.


Chi ha paura di Gino Strada? Perchè il governo non lo nomina?


Si teme che sollevi il pentolone di un sistema di ruberie che ha visto lievitare i profitti della sanità privata mentre quella pubblica arranca?
Pare evidente che si vuole che Strada si occupi dell’emergenza senza disturbare il sistema che ha prodotto l’attuale emergenza.


Un dato è certo: le giunte di centrodestra e centrosinistra che si sono alternate al governo della Calabria hanno prodotto una situazione desolante.
La Repubblica Italiana dovrebbe ringraziare Gino Strada per il coraggio che dimostra nel dare la disponibilità ad assumere un ruolo così difficile.