Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

UNIVERSITÀ, "L'ITALIA É IL SECONDO PEGGIOR PAESE DELL'UE PER PERCENTUALE DI LAUREATI"

I dati del rapporto Eurostat sull'educazione: l'Italia ha il 26,2% di persone laureate tra i 30 e i 34 anni, peggio solo la Romania con il 25,6 per cento. Il nostro Paese è anche quintultimo per il tasso di abbandono scolastico dei ragazzi tra i 18 e i 24 anni.
.
L’Italia è il secondo peggior Paese dell’Unione europea per percentuale di persone laureate che hanno tra i 30 e i 34 anni. Lo raccontano i dati del rapporto Eurostat sull'educazione: nel 2016 una percentuale inferiore è stata registrata solo in Romania (25,6%), contro il 26,2% di laureati italiani. Il nostro Paese è anche quintultimo, davanti solo a Portogallo, Romania, Spagna e Malta, per quanto riguarda il tasso di abbandono scolastico dei ragazzi tra i 18 e i 24 anni.
.
L’obiettivo della strategia Europa 2020 è che per quella data l’Ue arrivi ad avere il 40% di laureati tra i 30 e i 34 anni e una percentuale inferiore al 10% di persone che non hanno raggiunto un diploma secondario. A livello europeo, i dati mostrano come rispetto al 2002, anno in cui è cominciata la strategia, sono migliorati entrambi gli indicatori. Nel 2016 i laureati, si legge nel rapporto Eurostat, sono saliti al 39,1%, contro il 23,6% di 15 anni fa. Il tasso di abbandono scolastico complessivo è invece passato dal 17 al 10.7 per cento. Nonostante i risultati siano deludenti se paragonati a quelli degli altri membri dell’Ue, l’Italia ha comunque raggiunto il proprio obiettivo nazionale, sia nel primo che nel secondo indicatore. I livelli che il nostro Paese doveva raggiungere erano d’altronde i più bassi di tutti.
.
Guardando agli altri Paesi, al primo posto per percentuale di laureati c’è la Lituania, con il 58,7%, seguita da Lussemburgo (54,6%), Cipro (53,4%) e Irlanda (52,9%). In Croazia si registra invece la percentuale più bassa (2,8%) di persone tra i 18 e i 24 anni che non hanno raggiunto un diploma secondario. Analizzando i dati per genere, infine, emerge come il miglioramento maggiore rispetto al 2002 sia stato conseguito dalle donne, sia per quanto riguarda le lauree sia per il completamento del percorso scolastico.

da Il Fatto Quotidiano