ATTUARE LA COSTITUZIONE PER CAMBIARE L'ITALIA

ATTUARE LA COSTITUZIONE PER CAMBIARE L'ITALIA

ATTUARE LA COSTITUZIONE PER CAMBIARE L'ITALIA

L’anno nero dell’industria italiana: il 2023 disastroso della coppia Meloni-Urso

L’anno nero dell’industria italiana: il 2023 disastroso della coppia Meloni-Urso

I dati sulla produzione industriale (-2,5%) testimoniano il disastro della coppia Meloni-Urso: per l'industria il 2023 è stato un anno nero.

Il 2023 è stato l’anno nero dell’industria italiana. Così l’ha definito l’Unione nazionale dei consumatori dopo la pubblicazione dei dati Istat sull’anno appena terminato. Il 2023 si è chiuso con un calo della produzione industriale, rispetto all’anno precedente, del 2,5%.

La dinamica tendenziale dell’indice è stata negativa per quasi tutti i mesi del 2023.  I dati peggiori si sono registrati per la produzione industriale di beni di consumo durevoli (-5,4%) e dell’energia (-5,6%). Cresce soltanto la produzione di beni strumentali (+2,8%). Tra i settori peggiori anche il legno, la carta e la stampa, con un crollo del 13,3%. Male anche il tessile e i prodotti chimici. Tutti dati che preoccupano il tessuto industriale italiano, tanto più dopo l’allarme della Bce sulle aziende finanziariamente vulnerabili

L’ANNO NERO DELL’INDUSTRIA ITALIANA

L’Unione nazionale consumatori, con il suo presidente Massimiliano Dona, parla di un anno “nero” per l’industria italiana. Non è bastata la lieve ripresa di dicembre (+1,1% sul mese precedente), a fronte di una discesa annua del 2,1%. Il dato che “conta davvero, molto negativo, è che in media nel 2023 la produzione è crollata del 2,5% rispetto al 2022. Tranne che per i beni strumentali, non c’è un solo raggruppamento in territorio positivo, a cominciare dai beni di consumo durevoli che precipitano del 5,4% rispetto al 2022. Insomma, il 2023 è stato un anno nero per le nostre industrie”.

Anche il Movimento 5 Stelle, con Mariolina Castellone, sottolinea come i dati parlino di undici mesi consecutivi “di calo della produzione industriale su base tendenziale”. Questo – sottolinea – “è il vero miracolo del governo Meloni: in un anno sono riusciti a bloccare la crescita del Paese, un disastro senza precedenti”.

Anche i componenti pentastellati delle commissioni Bilancio e Finanze di Camera e Senato, in una nota, sottolineano “il colossale disastro di Giorgia Meloni, Giancarlo Giorgetti, Adolfo Urso e di tutta l’improvvisata compagine governativa”. A loro giudizio “non si può più tergiversare su questo andamento infernale, che sta facendo sprofondare la nostra industria: i membri del Governo dovrebbero trarne le conseguenze”.

10/02/2024

da La Notizia

di Stefano Rizzuti