Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

LA TRUFFA DEL TAGLIO DELLE "PENSIONI D'ORO"

26.06.2018

 

Il taglio delle “pensioni d’oro” proposto dai 5 Stelle è una truffa per tre motivi:

 

1) Non è vero che il risparmio sarà di 1 miliardo di euro ma se tutto va bene di appena 200 milioni. Ricalcolare l’importo della pensione sulla base dei contributi effettivamente versati porta in media ad una diminuzione del 25% dell’importo dell’assegno. Ma si tratta di una media appunto perché il gap tra pensione calcolata con metodo retributivo e pensione calcolata con metodo contributivo è maggiore per i redditi bassi e minore per quelli alti. Ciò significa che a seguito del ricalcolo i pensionati d’oro vedranno diminuire il proprio assegno appena del 5%! E se andiamo a vedere bene forse anche meno perché diminuendo il reddito pagheranno meno tasse.

 

2) Se il taglio verrà accompagnato dall’introduzione della Flat Tax i pensionati d’oro a fronte di una perdita media di circa 300 euro risparmieranno attorno ai 1.700 euro in tasse e quindi vedranno ulteriormente aumentato il loro reddito.

 

3) I pensionati d’oro sono solo 30.000 per lo più ex-manager, magistrati, politici etc...i ricchi veri ovvero redditieri, speculatori, evasori e azionisti di grandi società non percepiscono pensioni perché non versano contributi.

 

Diminuire le pensioni ad una alcune categorie di parassiti è giusto e sacrosanto, ma dal punto di vista dei numeri questo non incide minimamente rispetto alla redistribuzione della ricchezza. 

È puro fumo negli occhi. 

Puntano il dito contro la “casta” e i suoi privilegi solo per nascondere i veri potenti, quelli che grazie a provvedimenti come la Flat Tax diventeranno ancora più ricchi.