Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

«LA TRATTATIVA STATO-MAFIA ACCELERÒ L'ATTENTATO AL GIUDICE PAOLO BORSELLINO»

20.07.2018

 

Processi. Depositate le motivazioni della sentenza sulla trattativa Stato-mafia conclusosi il 20 aprile scorso

 

«L’improvvisa accelerazione che ebbe l’esecuzione del dottore Borsellino» fu determinata «dai segnali di disponibilità al dialogo – ed in sostanza, di cedimento alla tracotanza mafiosa culminata nella strage di Capaci – pervenuti a Salvatore Riina, attraverso Vito Ciancimino, proprio nel periodo immediatamente precedente la strage di via D’Amelio».

E’ quanto si legge nelle motivazioni del processo sulla trattativa Stato-mafia conclusosi il 20 aprile scorso con la condanna, fra gli altri, del generale dei carabinieri Mario Mori, dell’ex senatore di Fi Marcello Dell’Utri e di Massimo Ciancimino.

 

Per i giudici «non vi è dubbio» che i contatti fra Mori e Giuseppe De Donno con Vito Ciancimino, «potevano essere percepiti sal boss Salvatore Riina come ulteriori segnali di cedimento dello Stato e forieri di sviluppi positivi per l’organizzazione mafiosa nella misura in cui quegli ufficiali lo avevano sollecitato ad avanzare richieste cui condizionare la cessazione della strategia di attacco frontale allo Stato».

 

Per i giudici, inoltre, un ruolo importante lo avrebbe svolto anche Marcello Dell’Utri.

 

«Con l’apertura alle esigenze dell’associazione mafiosa Cosa nostra, manifestata da Dell’Utri nella sua funziona di intermediario dell’imprenditore Silvio Berlusconi nel frattempo sceso in campo in vista delle politiche del 1994 – è scritto nelle motivazioni -, si rafforza il proposito criminoso dei vertici mafiosi di proseguire con la strategia ricattatoria iniziata da Riina nel 1992».

 

Se volete aggiungere commenti, impressioni  potete scrivere a info@rifondazionesantafiora.it