Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

«PACCHETTO SICUREZZA». SALVINI ALLA CARICA DEI MIGRANTI

Adriana Pollice

 

Italia. Il Viminale modifica anche l’assistenza ai richiedenti asilo. Reagiscono le associazioni.

 

«Spero di presentare in breve tempo un pacchetto sicurezza con una normativa più efficace sull’immigrazione» ha spiegato ieri il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, durante il Question time. La norma conterrà «l’estensione del numero di reati che prevedono la sospensione della domanda di asilo». Il leader leghista fa ossessivamente l’accostamento tra migranti ed emergenza, eppure è il primo a spiegare: «Dal primo giugno sono sbarcate 4.500 persone, contro le 34mila dell’anno scorso». Due i punti fermi nella politica del Viminale: respingimento in mare attraverso la Marina libica, sottrazione di fondi all’accoglienza da impiegare per i ricollocamenti. Così, ieri, ha aggiunto: «Serve un forte impulso ai Centri di permanenza per il rimpatrio. Attualmente solo 6 sono attivi, per 880 posti. Entro l’anno saranno aperti nuovi centri per ulteriori 400 posti. Per il 2019 altri siti arriveranno nelle regioni che ne sono prive».

 

SALVINI PREME sull’acceleratore ma la Cassazione frena, ieri la Sesta sezione civile ha decretato: «Il richiedente asilo ha diritto a rimanere nel territorio nazionale in pendenza dell’esame di tale sua richiesta. Non fa eccezione nel caso in cui questa istanza sia stata presentata dopo l’emissione di provvedimento di espulsione».

 

In nome della «razionalizzazione della spesa», il Viminale lunedì scorso ha emanato una direttiva che modifica le modalità di assistenza per i richiedenti asilo. I servizi di prima accoglienza verranno assicurati a tutti, mentre gli interventi per favorire l’inclusione sociale saranno riservati solo ai beneficiari di forme di protezione. Stando al Def 2017, l’Italia spende ogni anno per i migranti circa 4,7 miliardi: poco più di 3,5 miliardi va all’accoglienza, il resto finisce in rimpatri assistiti e sicurezza. L’intenzione del ministero è tagliare i costi della prima voce: dagli attuali 35 euro per migrante si passerà a 25. Il risparmio, circa 500 milioni l’anno, verrebbe spostato su rimpatri e sicurezza. Salvini ha più volte ripetuto che l’Italia è il paese con la spesa maggiore per migrante ma i dati sono differenti: il Belgio, ad esempio, destina 51,14 euro al giorno, perfino la Slovacchia (del gruppo di Visegrad) ne impegna 40. Meno di noi spendono Francia (24 euro), Polonia, Austria.

 

LA DIRETTIVA ARRIVA dopo la circolare inviata il 5 luglio ai prefetti e alle commissioni territoriali, in cui il ministro dell’Interno ha chiesto una stretta all’accoglienza. «Su 43mila domande – ha spiegato Salvini – i rifugiati sono il 7%, la protezione sussidiaria raggiunge il 15. Poi abbiamo la protezione umanitaria che, sulla carta, è riservata a limitati casi ma rappresenta il 28% che poi arriva al 40 con i ricorsi. E spesso diventa la legittimazione dell’immigrazione clandestina». Le proteste contro il Viminale sono cominciate il 5 e proseguite ieri.

 

L’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione aveva sottolineato: «Il ministero non ha voce in capitolo sul merito delle domande». Mercoledì Medici senza frontiere è intervenuta sulla direttiva: «Avrà l’effetto di inasprire le condizioni dei richiedenti asilo, aggravarne i disagi e ostacolare l’individuazione di persone vulnerabili».
Ieri il prefetto Mario Morcone, direttore del Centro italiano rifugiati, ha sottolineato: «Il taglio dei costi peggiorerà la situazione per migranti e italiani. Il migrante rischia di restare per due anni nei centri isolato, senza fare nulla, con un senso di rabbia ed emarginazione mentre, d’altro canto, farà crescere l’insicurezza negli italiani, che li vedono starsene inattivi. Tutto questo costerà molto di più alla collettività». Il centro Astalli aggiunge: «Corsi di italiano, accompagnamento socio-legale, formazione portano i rifugiati all’autonomia, in modo da uscire rapidamente dal sistema di accoglienza».

 

È ANCORA L’ASGI a sottolineare: «Quella di Salvini non è una direttiva, sono opinioni politiche. Secondo le norme, i richiedenti asilo dovrebbero essere trasferiti nel più breve tempo possibile nel sistema di protezione, che prevede corsi di lingua e formazione professionale». Le associazioni Cild, Action Aid, Indie Watch, Asgi, Cledu e Arci chiedono che vengano riviste le procedure operative degli hotspot per assicurare, in particolare, il diritto di asilo e la tutela dai respingimenti collettivi. «L’approccio hotspot – spiegano – ha prodotto una crisi generalizzata del diritto d’asilo in Europa, configurando anche forme illegittime di trattenimento».

 

Se volete aggiungere commenti, impressioni  potete scrivere a info@rifondazionesantafiora.it