Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

MANOVRA SEMPRE PIÙ EXTRA LARGE : ARRIVA LA PACE FISCALE PERPETUA?

Andrea Colombo

 

Manovra . Flat tax: due aliquote (15 e 20%) fino ai 100mila euro. Oggi Salvini incontra Berlusconi

 

Di ritocco in ritocco la Flat Tax appare sempre meno piatta. Al momento, stando a quando dichiara il sottosegretario leghista all’Economia Massimo Bitonci, la aliquote dovrebbero essere tre: una al 15% per i redditi fino a 65mila euro, una al 20% per quelli fino a 100mila. Potrebbe però esserci anche una tassa irrisoria, limitata al 5%, per le start-up di giovani under 35 con ricavi fino a 65mila euro. Non sarà per l’anno prossimo ma per quelle successivo, il 2020 e Di Maio promette che «non sarà rigida: chi pagava meno rispetto al nuovo sistema continuerà a farlo».
Ci dovrebbe essere invece subito la «pace fiscale«, necessaria per fare cassa, con tetto fino a un milione per contribuente. Ma i tecnici del Carroccio stanno cercando di aggirare la principale critica sul condono: l’essere cioè una misura inevitabilmente «una tantum». Mica è detto. Si potrebbe inventare «una sorta di transazione fiscale permanente», che diventerebbe una misura a regime. Cosa significhi nel concreto per il momento, però, è sibillino. Sul tavolo leghista c’è anche la riduzione dell’Ires dall’attuale 24% al 15%, ma solo per le imprese che reinvestono in macchinari o in assunzioni. Dovrebbero infine essere stanziati 500 milioni per risarcire i risparmiatori truffati dalle banche.

 

MENTRE IL CARROCCIO SI DÀ da fare sul suo fronte, quello fiscale, M5S fa la stessa cosa su quello del reddito di cittadinanza. «Ci sarà certamente: dopo un decennio di miope austerità è arrivato il momento di politiche espansive», giura Di Maio. Promette che il tutto avverrà in perfetta armonia con la Ue e con il ministro Tria, che secondo il presidente leghista della commissione Finanze del Senato Bagnai si occupa essenzialmente di cercare una «mediazione tecnica» tra le esigenze della Lega e quelle di M5S. Come si concili questa armonia perfetta con le cifre è però un mistero. Al netto di nuove sorprese da parte dello spread, la manovra oltrepasserebbe i 30 miliardi: 8 a ciascuno ai soci di governo, più i 12 e mezzo per l’Iva e almeno 4, a tenersi bassi, per le spese correnti. Per coniugare la cifretta con il rigorismo invocato dall’Europa, che vuole comunque una diminuzione del deficit strutturale, ci vorrà un prestigiatore.

 

È VERO CHE IN QUESTI CASI i conigli dal cilindro saltano fuori sempre, stavolta però c’è uno scoglio che non potrà essere aggirato con giochi di parole e di conti: la riforma Fornero. Bitonci, e prima di lui lo stesso Salvini, hanno confermato di mirare a rivederla per arrivare a “quota 100” con 62 anni di età come minimo. È un passo che Bruxelles, ma ancora più Francoforte, non vogliono accettare. Significherebbe rimettere in discussione tutto l’impianto riformista che Mario Draghi vuole invece che sia confermato e anzi più celermente implementato. È su quel fronte, peraltro ad altissimo tasso di popolarità tra gli elettori italiani, che il governo e l’Europa si giocheranno la partita nei prossimi mesi.

 

L’AFFONDO DI DRAGHI ne è stato un chiaro segnale. Ma lo sono anche gli attacchi concentrici rivolti ora dal Carroccio al presidente della Bce. «Mosovici e Draghi – sostiene Giorgetti – dicono le cose che pensano in difesa delle loro istituzioni. Noi, che siamo il governo italiano, diciamo le cose che pensiamo in difesa del popolo italiano». Più affilato Bagnai: «Quelle della Bce sono dichiarazioni particolarmente incresciose. Chi si occupa di mercati finanziari dovrebbe essere più riservato ed evitare di dare l’impressione che siano le banche a dare la fiducia ai governi». Sono toni ancora molto misurati, ma sino a ieri criticare Mario Draghi era praticamente per l’intero quadro politico italiano un tabù. Che sta evidentemente per essere infranto.

 

LA MANOVRA, INTANTO, OFFRE a Fi un’occasione d’oro per provare di nuovo a incunearsi tra Lega e M5S. Il coro azzurro insiste perché Salvini torni al modello originale di tassa «davvero» piatta, con una sola aliquota. Le grandi manovre di riavvicinamento tra Lega e Arcore si svilupperanno solo oggi, nell’incontro tra i due leader. La mossa d’apertura sarà il via libera di Fi alla presidenza Rai per Foa: ma di lì Berlusconi cercherà ben più ampie e ambiziose convergenze.