Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

DECRETI E FIDUCIE, I GRILLINI IMITANO RENZI

Andrea Fabozzi

Il Manifesto

 

Altro che la promessa «centralità del parlamento», i 5 Stelle che hanno occupato le aule e si sono incatenati ai banchi adesso copiano le peggiori pratiche degli ultimi due governi. Inarrivabili.

 

Si sono ammanettati ai banchi, sdraiati in terra per impedire le votazioni, sono saliti sui tetti. Qualche volta, più semplicemente, ma volendo alzare il livello della protesta, sono rimasti fuori dall’aula. Tutto per denunciare il ricorso dei governi – dei governi precedenti – al voto di fiducia.

 

Per il movimento 5 Stelle la scelta di imporre la fiducia è stata, per fare solo qualche esempio, «l’azione di un governo opaco» (come spiegarono nel giugno 2013 i deputati Dell’Orco e Ferraresi, oggi sottosegretari), «una lesione delle prerogative dell’opposizione» (l’attuale ministro Fraccaro nel luglio 2013), «uno schiaffo al parlamento» (l’attuale sottosegretario Fantinati nel novembre 2013). Particolarmente grave, poi, la decisione del governo Gentiloni di «esautorare il parlamento» mettendo la fiducia sul decreto Minniti sull’immigrazione «contestato dalle organizzazioni umanitarie internazionali» e che «introduce un’arbitraria distinzione tra i meritevoli di presentare domanda di protezione internazionale e i “migranti economici”». Perché con un decreto e con la fiducia non si poteva «affrontare alla radice il problema dei flussi migratori» ma solo «dare inutili soluzioni emergenziali». Così spiegevano, tra gli altri, l’attuale ministro Toninelli e il relatore del decreto Salvini, Brescia, ed era solo l’aprile dell’anno scorso.

 

Conquistata la maggioranza, i 5 Stelle promisero «centralità del parlamento» contro «l’abuso governativo di strumenti che dovrebbero essere residuali»; «non consentirò scorciatoie né forzature del dibattito parlamentare» fu il primo annuncio del presidente della camera Fico. Il comitato per la legislazione di Montecitorio, presieduto da una deputata M5S, ha recentemente certificato che nei primi sei mesi di questa legislatura 9 leggi su 11 (l’82%) sono state semplici conversioni di decreti legge. Nei primi sei mesi della scorsa legislatura erano state 9 su 17 (il 53%).

 

Al calcolo va aggiunto però che quattro decreti su nove dell’inizio di questa legislatura erano eredità del governo Gentiloni. Se si confrontano invece il numero di decreti del governo Conte fino a qui (10 in 8 mesi) con quello dei governi precedenti nello stesso tempo, si scopre che siamo sui livelli del governo Gentiloni e molto al di sotto dei governi Letta e Renzi. Quanto alle fiducie, invece, per Conte questa è la terza richiesta (dopo il decreto milleproroghe e lo stesso decreto sicurezza al senato), più del governo Letta che si era fermato a due (su due decreti). Mentre assai peggio aveva fatto Gentiloni (16 fiducie nei primi 8 mesi, nel 50% dei casi si trattava di decreti) e soprattutto Renzi (25 fiducie in otto mesi, in 20 casi si trattava di decreti legge)