Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

COMMERCIO, PAGHE A €.3,26 L'ORA IN PIENO CENTRO A ROMA

12/12/2018

Da Controlacrisi

 

La denuncia dei Cobas: "Soprusi di ogni genere. Serve una task force di ispettori"

 

Su quanto avviene, nel silenzio generale, nel settore del commercio, l’ultima delle centinaia di segnalazioni riguarda le commesse di un negozio di moda "cheap price" nel pieno centro di Roma. Pagate 3 euro e ventisei centesimi l’ora ed in nero. Anche per dodici ore al giorno, senza riposi, tutte le domeniche e i giorni festivi compresi. Commesse senza contratto, senza busta paga e finanche senza nome, "visto che il datore di lavoro - che le paga in contanti - non lo conosce affatto".

 

"Il Ministro Di Maio dimostri davvero che ha a cuore la piaga del lavoro nero – dichiara Francesco Iacovone, del Cobas nazionale – perché non siamo alle Iene e non parlo del papà ormai più famoso d’Italia. Siamo nel mondo del commercio dove centinaia di milioni di cittadini/lavoratori subiscono soprusi di ogni genere".

 

"Dal lavoro in nero a quello “in grigio”, con contratti regolari a metà e il resto fuori busta – prosegue il rappresentante sindacale – che rappresentano un’enorme evasione contributiva e fiscale e un ingente danno per i conti dello Stato. Tutti fanno finta di non vedere, ma in realtà questa degenerazione la conoscono tutti. E non finisce qui, perché al lavoro nero si abbinano il superamento delle soglie di precarietà contrattuale, le dimissioni in bianco, le discriminazioni di genere, i part time imposti, le condizioni di sicurezza inesistenti. Insomma, ci vuole davvero una task force di ispettori che faccia luce su uno dei settori produttivi più sfruttati", conclude Iacovone