Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

FERMIAMO L’ASSALTO GEOTERMICO AL MONTE AMIATA

22/12/2018

 

Progetto Enel di una nuova centrale  “Triana” nel comune di Roccalbegna

 

 

Ieri, in concomitanza con la manifestazione pro-geotermia a Santa Fiora, è comparso sul sito della regione (http://www.regione.toscana.it/-/procedimento-coordinato-e-provvedimento-...) il progetto di un'altra centrale geotermica flash Enel da 20 MW da realizzare nella località Triana del comune di Roccalbegna, di fronte alle vigne di Santa Fiora.

Con questo nuovo progetto le centrali geotermiche previste al momento in Amiata diventano 5; infatti i progetti in corso sono le centrali pilota Montenero (Castel del Piano)  di Gesto e  Casa del Corto (Piancastagnaio) di Svolta Geotermica, la centrale binaria di Sorgenia a Saragiolo (Piancastagnaio) e i nuovi progetti Enel PC6 (Piancastagnaio) e Triana (Roccalbegna).

La Regione Toscana, insieme ad Enel e alle multinazionali dell’energia, non soddisfatte dello scempio prodotto con le centrali esistenti, proseguono nel tentativo  di trasformare il comprensorio dell’Amiata nel secondo polo geotermico  regionale imponendo a questo territorio una vocazione industriale che non gli compete e non tenendo conto degli alti rischi, legati ad uno sfruttamento geotermico speculativo ed inquinante prodotto sia dalle centrali del tipo flash che da quelle a ciclo binario,  rischi documentati da numerosi studi scientifici:

  • inquinamento atmosferico dovuto all’emissione nell’aria di sostanze tossiche e climalteranti;
  • sismicità e subsidenza indotte dallo svuotamento dei bacini e della reiniezione dei fluidi;
  • incremento della concentrazione di arsenico nelle acque potabili;
  • tasso di mortalità superiore ai comuni vicini, come evidenziato dalle indagini dell’Agenzia Regionale della Sanità.

Lo sviluppo che noi auspichiamo per i nostri territori è quello basato sulla valorizzazione delle vere risorse strategiche dell’Amiata: la natura, il paesaggio, la storia, l’arte, i prodotti di qualità.

 

Lo sviluppo di fonte energetiche veramente rinnovabili e rispettose dell’ambiente (fotovoltaico su capannoni e edifici, minieolico, bassa entalpia per il riscaldamento e usi produttivi, ecc.) controllate e gestite dalle nostre comunità.

Invitiamo la popolazione, i comitati e le amministrazioni responsabili a mobilitarsi per contrastare questa ulteriore devastazione dell’Amiata e costruire dal basso un’alternativa rispettosa dell’ambiente che garantisca l’occupazione e il futuro del nostro territorio.

 

 

 

Partito della Rifondazione Comunista

Circolo “Raniero Amarugi” Santa Fiora