Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

AUTONOMIA DIFFERENZIATA REGIONALE, NO ALLA SECESSIONE

14/02/2018

 

«La cosiddetta autonomia differenziata, chiesta da Veneto, Lombardia, Emilia Romagna è una sorta di secessione legittimata dal governo gialloverde - dichiarano Loredana Marino e  Giovanni Russo Spena, della segreteria nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea – . Si prevede infatti il trasferimento di una serie di competenze ma soprattutto di risorse dallo Stato alle suddette regioni, senza che i cittadini e le cittadine di quei territori e soprattutto delle altre regioni siano mai stati consultati.

 

Entro pochi giorni, la Lega vuole intanto chiudere la trattativa su questo importante tema: si terrà infatti un incontro tra il premier Conte e i presidenti delle Regioni interessate. Per questo lanciamo un allarme preciso: serve la più larga mobilitazione contro un progetto di chiara impronta “padana”.

 

Contro questo piano che mette a rischio l’universalità dei servizi e dei diritti, con una evidente volontà di penalizzare nuovamente il Sud, sta nascendo un coordinamento nazionali di soggetti politici, sindacali, movimenti e associazioni.

 

E per tutte queste ragioni saremo in piazza domani con Luigi De Magistris, alla conferenza stampa promossa dal Comune di Napoli, per ribadire le nostre ragioni contro questo governo che vuole dividere sempre più il Paese e inasprire il divario tra Nord e Sud».