Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

LA GIUNTA REGIONALE TOSCANA DI ENRICO ROSSI(PD) AUTORIZZA LA COSTRUZIONE DI UN'ALTRA CENTRALE GEOTERMICA NEL COMUNE DI SANTA FIORA

05/05/2019

COMUNICATO STAMPA 

Partito della Rifondazione Comunista

Circolo Raniero Amarugi – Santa Fiora

 

La Lobby Geotermica ha colpito ancora sull'Amiata.Sorgenia costruirà a “Poggio Montone” a Saragiolo (tra Piancastagnaio e S. Fiora) una Centrale geotermica binaria.

 

Mentre è in corso il procedimento per definire le aree non idonee alla geotermia, la Giunta PD della Regione Toscana, con la delibera n. 567 del 23 aprile 2019 ha dato il via alla costruzione della nuova centrale geotermica Sorgenia a Saragiolo che prevede fino a 17 nuovi pozzi geotermici (8 di estrazione a Saragiolo e 9 di reiniezione tra Bagnolo e Marroneto di S.Fiora)

 

Ricordiamo brevemente le caratteristiche di questa centrale:

Potenza netta centrale binaria : 5MW

Rendimento elettrico : 6,7%

Fluido geotermico estratto : 550 – 750 tonnellate/ora ( quasi il doppio di quello estratto dalle centrali Bagnore 3 e Bagnore 4

Pozzi di produzione di 1450 m : fino a 8 (1 Km a valle di Saragiolo)

Pozzi di reiniezione di 1300 m : fino a 9 (2 Km sotto Marroneto e Bagnolo)

Area occupata dal progetto : 7,02 ettari

Acqua utilizzata per i pozzi : 14.000 metri cubi per ogni pozzo per un totale di 238.000 mc. (acqua prelevata dal Fiora e dal torrente Senna Viva)

Soda caustica per i pozzi : centinaia di tonnellate

Acido Cloridrico per i pozzi : centinaia di tonnellate

Ventilatori di raffreddamento : 56 con un emissione sonora di 106,8 dBA 24 ore su 24.

Il progetto comporta una serie di impatti negativi che elenchiamo qui di seguito:

• impatto ambientale / paesaggistico ( nelle vicinanze c’è la Riserva Naturale del Pigelleto!!);

• rischio di inquinamento per le falde acquifere dovute alla perforazione dei pozzi e alla reiniezione dei fluidi in pressione;

• rischio di sismicità indotta dall’estrazione e reiniezione dei fluidi geotermici;

• rischio di frane per i pozzi realizzati in zone di dissesto idrogeologico;

• fenomeni di subsidenza causati dall’abbassamento della pressione nei campi geotermici per l’estrazione del fluido;

• svalutazione di proprietà immobiliari e terreni in prossimità delle centrali che trasformerebbero la zona in area industriale;

• fuga del turismo;

 

Malgrado le nostre osservazioni negative e quelle di comitati e cittadini, ha prevalso la logica della Giunta Toscana orientata a trasformare l’Amiata nel secondo polo geotermico regionale; ricordiamo che, oltre alla centrale Sorgenia, sono in progetto altre 4 centrali geotermiche (2 ENEL tipo Flash denominate “PC6 “a Piancastagnaio e “Triana” a Roccalbegna e le centrali pilota “Montenero” a Castel del Piano e “Casa del Corto” a Piancastagnaio). Invitiamo la popolazione a mobilitarsi contro questa ennesima devastazione ambientale e i candidati alle elezioni amministrazioni locali a pronunciarsi contro questo e gli altri progetti.

 

Non è questo il futuro che vogliamo per l’Amiata! Lo sviluppo che noi auspichiamo per i nostri territori è quello basato sulla valorizzazione delle vere risorse strategiche dell’Amiata: la natura, il paesaggio, la storia, l’arte, i prodotti agricoli di qualità e la loro trasformazione. Lo sviluppo di fonte energetiche veramente rinnovabili e rispettose dell’ambiente (fotovoltaico su capannoni e edifici, minieolico, bassa entalpia per il riscaldamento e usi produttivi, ecc.) controllate e gestite dalle nostre comunità.