Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

RICORDIAMOLO : MUSSOLINI E' IL COGNOME DI UN ASSASSINO

07/05/2019

Maurizio Acerbo, La Sinistra, segretario nazionale di Rifondazione Comunista, dichiara:

 

E’ vergognoso che il pronipote di Benito Mussolini invece di chiedere scusa per i crimini del bisnonno si dica orgoglioso del cognome che porta. E’ un modo implicito per fare apologia del fascismo.

 

Evidentemente la Meloni lo ha candidato proprio per questo motivo. Si può andare orgogliosi del cognome di una brava persona non di un dittatore assassino che usò l’omicidio politico e la violenza squadristica per cancellare ogni libertà in Italia, che si rese responsabile di crimini contro l’umanità in Libia, Etiopia e nei Balcani, che fece uso di armi chimiche contro civili, che bombardò le città spagnole repubblicane, che si schierò con Hitler, fu complice dell’Olocausto, mandò centinaia di migliaia di giovani italiani verso la morte, che lasciò il nostro paese in macerie.

 

La carriera di Mussolini è quella di un traditore del movimento operaio e socialista, che si mise a libro paga di industriali e latifondisti per schiacciare con l’assassinio e il bastone le classi popolari di questo paese. Di cosa va orgoglioso Caio Giulio? Delle coltellate a Matteotti e ai fratelli Rosselli, delle bastonate che uccisero Amendola e Gobetti, della galera in cui morì Antonio Gramsci? Degli eccidi delle Brigate nere e dei tedeschi in tutta Italia? Degli italiani morti nei campi di sterminio? Ci dica Caio Giulio, di cosa va orgoglioso?»