Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

CARO PIDDI '

13/05/2019

Lettera aperta di Vauro

 

Caro Piddì ma sei cieco, sordo o semplicemente scemo? Finalmente ci sono segnali di riscossa civile, di reazione umana all’ondata di incattivimento, di ignoranza e di astio organizzato che sta sommergendo la nostra società. Ondata fetida che scaturisce anche dalla occupazione di fomentatori al limite della eversione delle istituzioni democratiche e dal loro conseguente stravolgimento. Ondata i cui flutti saturano i social ed i media, arrivano alle periferiecome ai luoghi della cultura. Un’ondata che rischia di trasformare il senso comune in una miscela sterile di rancore e invidia sociale soffocando il valore della solidarietà, collante di qualsiasi società civile.

 

Giovani e meno giovani reagiscono. Reagisce l’adolescente di Torre Maura, i ragazzi e le ragazze che con disperata allegria sabotano i selfie di Salvini, la signora che espone uno striscione dal terrazzo della sua casa, l’anziano di Casal Bruciato che fa risuonare le note dell’Internazionale dal suo balcone. Reagisce la sopravvissuta diAuschwitz al Salone del libro di Torino. Reagiscono i gruppi di volontariato cattolici e laici che nelle zone del disagio operano quotidianamente. Azioni di resistenza. Certo, spontanee, sparse, a volte individuali, altre di gruppo ma che comunque, a tratti, riescono a far sentire la voce di un paese che non si rassegna alla cappa conformista di odio ed ignoranza.

 

E tu caro Piddì sei sordo? Non senti? Non vedi? Tu non ci sei mai. Li lasci soli. Eppure servirebbe una forza politica che non solo ascolti questa voce ma che sia capace di accoglierla, amplificarla, interpretarla, unirla, darle peso ed incidenza portandola al di là della testimonianza seppur coraggiosa. L’adolescente, i ragazzi e le ragazze, la signora, l’anziano, la sopravvissuta di Auschwitz, i gruppi di volontariato da soli non bastano, non ce la possono fare.


Sei sordo, distratto o scemo caro Piddì? Incapace di un sentire politico ed etico che non sia esclusivamente volto alla ricerca ed all’amministrazione del potere. Sordo alla passione civile. Cieco ad una visione di società che abbia un respiro più ampio della mera contingenza, il respiro delle idee. Davvero credi che restando seduto sulla riva del fiume vedrai passare il cadavere del tuo nemico? Sì, trasportato dalla corrente forse quel cadavere passerà ma tu non lo vedrai perché la piena ti trascinerà via con lui.

 

Sei sordo, distratto o scemo caro Piddì? Incapace di un sentire politico ed etico che non sia esclusivamente volto alla ricerca ed all’amministrazione del potere. Sordo alla passione civile. Cieco ad una visione di società che abbia un respiro più ampio della mera contingenza, il respiro delle idee. Davvero credi che restando seduto sulla riva del fiume vedrai passare il cadavere del tuo nemico? Sì, trasportato dalla corrente forse quel cadavere passerà ma tu non lo vedrai perché la piena ti trascinerà via con lui.

 

Certo, io sono un estremista e tu caro Piddì il campione dellamoderazione. Ma ci sono momenti nella storia in cui la moderazione si trasforma in passività complice. E uno di quei momenti purtroppo è oggi. Non ti chiedo di ascoltare gli estremisti come me ma di aprire o almeno tentare di aprire alle tante persone ancora capaci di impegno e di non contribuire a condannarle alla disillusione o alla emarginazione politica. La disillusione è la madre della indifferenza. L’indifferenza è il terreno di coltura di ogni forma di autoritarismo. Prima che la piena ci trascini via.