Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

3 GIUGNO 2019 SCIOPERO NAZIONALE GENERALE DELLE POSTE

 

Colleghi, lavoratori!

Le chiacchiere stanno a zero. I piani di ristrutturazione delle Poste sono evidenti, svelati: essi mirano a tagliare l'occupazione, mantenere bassi i salari, estendere la precarietà, illimitare la flessibilità. In pratica sotto attacco sono le nostre condizioni di vita e di lavoro. E' forzando questo aspetto che l'Azienda guida i processi di riorganizzazione interna.

L'obiettivo è di:

  • ridurre l'occupazione della metà dei lavoratori attualmente occupati.
  • fare dell'azienda un “precarificio” permanente,
  • di avere una forza lavoro schiava, ricattabile in perenne precarietà.
  • spremere all'estremo la prestazione di lavoro, intensificandola, accumulandola, sovraccaricandola, con un intensificazione dello sfruttamento che non si era mai visto, almeno nella nostra azienda.

Dai portalettere alla sportelleria, dalla logistica ai lavoratori dei cmp, dagli amministrativi alla pietra tombale stesa sui trasferimenti, le riduzioni dell'occupazione vanno di pari passo con un'inasprimento delle condizioni di lavoro. Gli orari sono un elastico allungabile; la sicurezza un pezzo di carta; la prevenzione un'aspirazione.

Lavoratori, colleghi!

Questo stato di cose non può essere battuto che dalla lotta. Non è demandabile a qualche politico di turno, né possiamo aspettarci dei ripensamenti aziendali: essi hanno già deciso, hanno già imboccato questa strada che per loro significa aumento dei profitti, dividendi agli azionisti, benefits ai gruppi dirigenti...

 

Ma sappiamo anche che lottare è difficile, che è duro. E che non nasce spontaneamente - che ha bisogno di organizzazione. Pesa su di noi la maledizione di un sindacato che ha venduto “l'anima al diavolo”, che si è schierato apertamente sugli interessi aziendali, curando tuttalpiù le ricadute più odiose sui lavoratori, ma lasciando inalterato il terreno di “crescita” dell'azienda, accompagnandone i processi di riorganizzazione e spegnendo sul nascere la necessità del conflitto.

 

Ma la nostra condizione di lavoro necessita di una risposta, che metta in luce ed in chiaro, che noi non ci stiamo. Che non reggiamo questi ritmi intensificati, queste paghe che faticano ad arrivare a fine mese. E lo diciamo con lo sciopero. Ci esprimiamo con lo sciopero, a segnare una distanza che più inconciliabile non c'è.

 

LAVORIAMO INSIEME ALLA COSTRUZIONE ED ALLA RIUSCITA DELLO SCIOPERO NAZIONALE

CUB POSTE       SICOBAS     COBAS POSTE    SLG-CUB POSTE