Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

RENZI RINCARA , BERLINO LO LIQUIDA

«La roadmap è stata condivisa da tutti i 27»: l’anonima “fonte” del governo tedesco che s’incarica di commentare la sfuriata di Renzi è gelida e sprezzante. La traduzione è inequivocabile: «Renzi ha detto sì come tutti». Significa derubricare la protesta del premier italiano a una bizza inoffensiva. Del resto all’origine dell’incidente c’è il medesimo atteggiamento da parte della coppia franco-tedesca. Segno che il gelo non è solo conseguenza dell’intemerata di Renzi ma che c’è qualcosa in più.

Il capogruppo forzista Brunetta cinguetta papale che alla conferenza stampa finale Renzi proprio non era stato invitato. Probabilmente è un’esagerazione, ma con un fondamento. Il terzo componente del presunto Direttorio europeo era stato chiamato, sì, ma all'ultimo momento e senza avere alcuna voce in capitolo. Gli era consentita una comparsata a uso di propaganda sul fronte interno italiano ma nulla di più.

Però l’umiliazione inflitta all'Italia, che ricorda pur se in forma minore la risatina con la quale l’immancabile Merkel e Sarkozy scavarono la fossa a Berlusconi nel 2011, è a sua volta segno di un’inversione di rotta. Sino a Ventotene e oltre la strategia era opposta: bisognava dare quanto più spago possibile all'inquilino di palazzo Chigi per impedire che, dopo la Brexit, anche il fronte italiano venisse sfondato dai “populisti”.

Per capire cosa è cambiato è utile considerare quel che Renzi ha detto ieri, riprendendo la polemica del giorno prima. Sul fronte dell’immigrazione: «Se è giusto salvare tutti in mare non è giusto accogliere tutti solo in Sicilia e Puglia. Noi siamo generosi ma non possiamo lasciare che un problema come l’immigrazione esploda per l’incapacità dell’Europa». Su quello dei conti: «Noi non possiamo fare la foglia di fico ai problemi degli altri. Dobbiamo riconoscere che la ricetta dell’austerità dell’Europa era sbagliata e quella di Obama giusta. Lo dicono i numeri». Significa che su entrambi i tavoli incandescenti Renzi, a Bratislava, si è sentito dire, magari non apertamente ma in modo chiaro, di no. A peggiorare le cose se lo è sentito dire in forme volutamente umilianti, col trattamento che si riserva ai partner di scarso peso. L’opposto esatto di quel che aveva tutte le ragioni di aspettarsi dopo Ventotene.

L’inversione di marcia si spiega in parte con lo stato deludente dei conti pubblici e dell’economia italiana, sommata al sospetto che Roma intenda battere a cassa chiedendo più flessibilità solo per buttare poi via quei miliardi in propaganda elettorale. Chiedere ai ragionieri di Bruxelles e Berlino di dimenticare il braccio di ferro dell’anno scorso sul taglio della tassa sulla casa proprio ora che i risultati confermano l’inutilità strategica di quel taglio sarebbe chiedere troppo.

Ma in parte più consistente la rinnovata severità dell’ex alta protettrice Angela è motivata da calcoli interni. La mazzata di due settimane fa nel Mecklemburgo potrebbe essere confermata oggi stesso nel voto per il Senato del Land di Berlino: due milioni e mezzo di elettori. I sondaggi prevedono un crollo della Cdu, che potrebbe diventare il terzo partito e forse addirittura il quarto. Nessuno meglio di Angela Merkel sa che i suoi elettori puniscono due cose: la politica sull'immigrazione e le concessioni sulla flessibilità, in particolare proprio all'Italia.

Nessuno però può negare a Renzi un vero virtuosismo nel volgere a proprio vantaggio, almeno sul piano dell’immagine e della propaganda, ogni situazione, incluse quelle meno gradite. Con mirabile rapidità il presidente del consiglio ha trasformato l’umiliazione di Bratislava in una orgogliosa resistenza italiana contro i miopi diktat della Ue, cioè della Germania con la Francia nel ruolo ormai fisso del reggicoda.

I sondaggisti italiani concordano tutti nel prevedere che la sceneggiata frutterà al capo del governo consensi forse preziosi in vista del referendum. Sulla carta è certamente così. Nei fatti le cose potrebbero rivelarsi meno facili. Con la legge di bilancio e la sentenza europea sulla flessibilità di mezzo, Renzi potrebbe essere costretto a svelare il bluff anzitempo oppure a ingaggiare con l’Europa un conflitto reale e non più solo mimato. Quanto di più distante dai suoi desideri.

Andrea Colombo
18.09.2016
da il Manifesto