Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

LE SARDINE VERSO ROMA PER NUOTARE OLTRE SALVINI

03/12/2019

da iL Manifesto

Giovanni Stinco

 

Fuori dalle scatole. Il 14 anche in altre città europee, poi la riunione: «Ma non chiamatelo congresso». Non solo flashmob ma anche «contenuti», come le iniziative con i migranti

 

L’onda delle sardine non si ferma. Se qualcuno, sopratutto a destra, si aspettava un fisiologico calo del movimento che sta mettendo sotto scacco mediatico il sovranismo italiano, ogni sua aspettativa in tal senso sta andando sistematicamente delusa. Le piazze di tutta Italia si stanno riempiendo e sembrano destinate a continuare così. Almeno fino al 14 dicembre, quando le sardine tenteranno di portare 100 mila persone a Piazza San Giovanni a Roma e, per il giorno dopo, annunciano una sorta di riunione nazionale per tirare le fila e capire come andare avanti. Sopratutto come creare un coordinamento che dia concretezza all’idea, lanciata dal bolognese Mattia Santori, di trasformare le sardine in un «anticorpo permanente» contro il salvinismo e la sua macchina mediatica.

 

«CI VEDREMO TUTTI assieme, ci guarderemo in faccia e tracceremo una linea. Quello sarà un momento per capire come continuare», spiega Andrea Garreffa, uno dei quattro fondatori del movimento assieme a Santori, Giulia Trappoloni e Roberto Morotti. «Ma per favore non chiamatelo congresso, non c’è niente di più lontano rispetto a quel che abbiamo in mente. Non ci saranno persone che potranno partecipare e altre che resteranno escluse». «Questa al momento è solo un’idea, nemmeno un movimento – gli fa eco Antonella Cerciello, una delle sardine di Napoli – Il 15 a Roma valuteremo e capiremo assieme». «Decideremo in modo orizzontale che fare – aggiunge la fiorentina Matilde Sparacino – Sarebbe da incoerenti pensare a un partito o a un movimento politico».

 

NEL FRATTEMPO PARLANO i numeri: a Milano domenica sono scesi in piazza in almeno 25 mila occupando Piazza Duomo, nel weekend in decine di migliaia hanno manifestato anche a Firenze e a Napoli. Le piazze scelte sono state completamente riempite, anche a dispetto del meteo. Mille sardine anche a Taranto, e almeno seimila a Padova. Si andrà avanti così per tutta la settimana. Domani a Savona, giovedì ad Ancona, Ravenna e Lecco. Sabato a Trento, Siena e Siracusa. Domenica a Vercelli, Catania, Pescara, Foggia, Vicenza, Cagliari, Bari e Latina. Ieri sera le sardine si sono fatte vedere – e hanno cantato «Bella ciao» – anche ad Anversa, in Belgio, dopo aver ottenuto praticamente all’ultimo minuto il via libera all’evento nato per rispondere al comizio di Matteo Salvini con l’estrema destra locale.

 

INFINE ALL’ORIZZONTE inizia a profilarsi la manifestazione di Roma, prevista per sabato 14. Non sarà isolata. In molte capitali europee le sardine stanno preparando flash-mob, presidi e piazze anti sovraniste. E’ presto per immaginarsi la nascita di un movimento europeo, anche perché quelle piazze saranno animate sopratutto da italiani all’estero, ma il bersaglio a quel punto non sarà più solo Salvini, ma «tutte le destre nazionaliste» Ad affiancare Piazza San Giovanni ci saranno Edimburgo, Berlino, Madrid, Dublino, Londra, Amsterdam, Helsinki, Parigi. E negli States le sardine si faranno vedere anche a San Francisco.

 

C’è di più: le piazze delle sardine non si limitano più alla semplice esibizione anti leghista. Stanno partendo anche azioni concrete capaci di connotare il movimento. A Milano, in Piazza Duomo, i manifestanti hanno donato centinaia di scatolette di cibo per una colletta benefica destinata a persone in difficoltà.

 

VIA FACEBOOK INVECE le sardine si sono associate ufficialmente ad un progetto bolognese, città dove sono nate, e che punta all’integrazione dei migranti. «Vogliamo darci da fare anche in un altro modo, dare voce e sostegno ai tanti progetti sociali che da tempo nuotano nella nostra stessa direzione. Sono state cucite delle sardine con materiali di recupero e stoffe africane. Piccoli oggetti concreti, come il lavoro necessario per realizzarli. Lavoro di richiedenti asilo che, imparando una professione, conquistano ogni giorno la loro integrazione e ce la consegnano nelle mani», si legge sulla pagina facebook delle 6.000 sardine.

 

«CONTINUAVANO a chiederci dove stavano i contenuti – spiega Andrea Gareffa – Ma noi non siamo politici, non scriviamo progetti di legge. Abbiamo scelto di far capire chi sono le sardine anche così, con progetti concreti di solidarietà». I ricavi aiuteranno le sardine ad autofinanziarsi, sosteranno i migranti impegnati nella sartoria e lo sportello della Caritas.