Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

ESPLOSIONE NELLA NOTTE ALL'ACCIAIERIA 2 :MITTAL FA RETROMARCIA E RIAPRE L'ALTRA

23/01/2020

da il Manifesto

Gianmario Leone

Taranto. Nessun ferito ma poca sicurezza. Fim, Fiom e Uilm avevano avvertito che il sovraccarico era pericoloso. Niente Cig per 250

 

Una serie di boati in piena notte all’interno dell’acciaieria 2 dell’ex Ilva di Taranto, hanno riportato l’attenzione sul problema legato al ritardo con cui avviene la manutenzione degli impianti del siderurgico, oramai non più rinviabile nel tempo. Protagonista dell’ennesimo incidente, l’impianto Idf a servizio del convertitore 1 di acciaieria 2. Si sono aperti diversi squarci alle tubazioni, nei pressi del pulpito stiring, laddove c’è transito di personale per le normali attività di affinazione.


A denunciare l’accaduto le Rsu di Fiom e Uilm. Incidente che ha confermato la tesi dei sindacati per i quali l’acciaieria 2 non può sostenere l’aumento produttivo a tre convertitori deciso dall’azienda appena 48 ore prima dell’incidente. Con il conseguente stop dell’acciaieria 2 sino al 31 marzo ed altri 250 lavoratori posti in cassa integrazione. Disposizioni che i sindacati avevano sin da subito criticato fortemente.


«L’acciaieria 2, a conferma di quanto sostenuto da Fiom e Uilm nei giorni scorsi e verificato nel corso del sopralluogo effettuato martedì, non può sostenere l’aumento produttivo. ArcelorMittal deve tornare sui suoi passi e sospendere immediatamente la scelta unilaterale di fermare l’acciaieria 1 in quanto i continui rinvii e ritardi su manutenzione ordinaria e straordinaria determinano, in caso di aumento produttivo, situazioni di pericolosità sia dal punto di vista della sicurezza che dell’ambiente. Avevamo segnalato all’azienda dopo un sopralluogo effettuato sugli impianti la criticità della situazione e gli ultimi episodi lo testimoniano», hanno affermato i coordinatori di fabbrica Fiom e Uilm, Francesco Brigati e Gennaro Oliva.
Sulla stessa lunghezza d’onda anche la Fim Cisl di Taranto. «Lunedì scorso nel corso dell’incontro – afferma il segretario Prisciano – avevamo esposto le nostre perplessità sul nuovo assetto di marcia, evidenziando che quella esposta dall’azienda non poteva rappresentare la strada giusta. Da tempo – rileva Prisciano – dichiariamo che gli impianti all’interno dello stabilimento necessitano di manutenzioni ordinarie e straordinarie».


Sulla base di quanto avvenuto la scorsa notte, l’azienda ha quindi convocato i sindacati comunicando la decisione di mantenere regolarmente in marcia l’acciaieria 1 fino a quando non saranno risolti i problemi provocati dalle esplosioni e, quindi, sospendendo il provvedimento di cassa integrazione.