Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

DUE MORTI A BERGAMO. POSTE SPA CONTINUA A NON RISPETTARE IL PROTOCOLLO IN TUTTA ITALIA

17/03/2020

 

La notizia della morte di due dipendenti di Poste spa a Bergamo ci indigna e riempie di rabbia. Poste è diventata una spa che pensa ai dividendi degli azionisti di borsa e alle retribuzioni dei manager e che come tante altre imprese non si cura della salute dei suoi dipendenti. A Bergamo il coronavirus sta facendo una strage a causa dell’irresponsabilità di una classe dirigente che ha minimizzato il problema per non fermare le fabbriche e l’economia. Ma la responsabilità di Poste Spa riguarda tutto il paese.

 

Da tutta Italia lavoratrici e lavoratori lamentano di essere privi di Dpi (mascherine, gel igienizzante e guanti). Parliamo di 130.000 dipendenti, di cui decine di migliaia svolgono mansioni che li pongono in costante contatto con il pubblico.

 

Anche dopo la firma del protocollo non è cambiato molto perchè il governo avrebbe dovuto imporre ai datori di lavoro delle prescrizioni e delle sanzioni.

 

Torniamo a ribadire il principio che la salute è un diritto sancito dall’articolo 32 della Costituzione e che lo stesso Codice Civile prevede che sia in capo al datore di lavoro di garantire la sicurezza.

 

Torniamo a chiedere che laddove Poste spa non è in grado di garantire la protezione dal contagio si chiudano gli uffici. E non solo a Bergamo.

 

Invitiamo lavoratrici e lavoratori con i loro RLS e RSU ad astenersi dal lavoro in caso di inadempienza dell’azienda. In tal caso non si perde il diritto alla retribuzione.

 

Basta con la sottovalutazione della salute di lavoratrici e lavoratori!

 

Maurizio Acerbo, segretario nazionale

Antonello Patta, responsabile nazionale lavoro