Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

I NEMICI DEL PARLAMENTO PESCANO IL BONUS

11/08/2020

da il Manifesto

Andrea Fabozzi

 

L'Inps del grillino Tridico accende un faro sui politici: sarebbero tre (due della Lega e uno M5S) i parlamentari che hanno avuto accesso al sussidio di 600 euro previsto dal governo per tutti i lavoratori autonomi. Di Maio la butta sul referendum: e ancora ci chiediamo se sia giusto tagliare i deputati e senatori ?

 

 

 

I bonus li ha voluti il governo: sussidi per tutti senza limiti di reddito. Nei decreti Cura Italia e Rilancio tra aprile e luglio li ha blindati in parlamento con quattro voti di fiducia: nessuna correzione possibile. Nel frattempo sono arrivate le prime statistiche: anche categorie con redditi alti o che non sono state penalizzate dal lockdown hanno chiesto i sussidi. Male, ma la legge lo consente. Vale per i bonus per le biciclette, le auto ecologiche, i servizi di babysitting e innanzitutto per i 600 euro a tutti lavoratori autonomi. È questo bonus che fa scoppiare lo scandalo, quando la stessa Inps che ad aprile si dimostrò incapace di proteggere la privacy degli utenti – il presidente dell’ente Tridico si giustificò parlando di un cyber attacco mai dimostrato – fa trapelare la notizia che tra i benestanti che hanno chiesto il sussidio ci sono alcuni parlamentari.

 

Prima cinque (tre leghisti, un 5S e un Iv) poi tre (due leghisti e un 5S), a dar retta alle indiscrezioni. Circolano anche i nomi e le smentite, tutto senza possibilità di verifica perché a quel punto l’Inps si fa schermo con la privacy. I 5 Stelle hanno approvato con entusiasmo i bonus indiscriminati, ma ora che vengono fuori i difetti si buttano a pesce sullo scandalo. Il reggente Crimi si inventa un modulo per l’autodafé, una specie di gogna burocratica per tutti i suoi: consegnare entro domani (oggi) una delega a lui stesso per sapere dall’Inps se il parlamentare 5 Stelle ha osato chiedere il bonus. Di Maio, primo sponsor di Tridico, entro sera svela il gioco: «E vi domandate ancora se il taglio dei parlamentari è giusto?…».

 

L’OCCASIONE merita una diretta facebook (che però, annunciata per le nove di sera, non parte). Il ministro degli esteri che ha – con il resto del governo – voluto i bonus a pioggia, deve ringraziare quei tre parlamentari troppo avidi. Su mille deputati e senatori sono verosimilmente una percentuale minore rispetto a i benestanti delle altre categorie che hanno approfittato del sussidio. Ma tra cinquanta giorni c’è il referendum e la campagna elettorale anti parlamento aveva bisogno di una spinta del genere.