Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

L’URLO DEI BRACCIANTI A ROMA : IL GOVERNO AMMETTA L'ERRORE SUL DECRETO REGOLARIZZAZIONE

13/08/2020

Unione Sindacato di Base

 

Questa mattina in Piazza dell’Esquilino USB ha portato la protesta dei lavoratori migranti delle campagne, rimasti fuori dalla regolarizzazione in scadenza il prossimo 15 agosto. Tante le testimonianze e le denunce portate dalle delegazioni presenti, provenienti dall’Abruzzo, dalle Marche, dalla Calabria, dalla Puglia, dalla Campania, dal Piemonte.

 

Solo il 5% dei braccianti senza permessi ha i requisiti per presentare la domanda, come dimostrano i dati raccolti nelle campagne del Foggiano, del Reggino e della Campania. L’USB ha anche denunciato il proliferare del mercato nero dei documenti che, come accaduto nelle sanatorie succedutesi nel tempo, costano migliaia di euro a lavoratori pagati 3,5 € l’ora.

 

Continuare a confidare nelle imprese per combattere il lavoro nero significa garantire la prosecuzione sine die di questo sistema di sfruttamento, nel quale prolifera il racket dei caporali. Per una reale emersione dal lavoro nero nelle campagne è che siano gli stessi braccianti ad avere il diritto di poter denunciare il proprio impiego.

 

L’Unione Sindacale di Base ha ribadito la necessità di un nuovo provvedimento che garantisca la fuoriuscita dalla clandestinità per migliaia di lavoratori, l’abrogazione dei Decreti Sicurezza e la rapida convocazione di un nuovo tavolo interministeriale che affronti seriamente il ripristino della legalità nelle campagne.