Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

SABATO 29 AGOSTO 2020, ORE 21 NEL GIARDINO DELLA BIBLIOTECA DI STORIA DELL’ARTE DI MONTEMERANO

26/08/2020

SABATO 29 AGOSTO 2020, ORE 21

NEL GIARDINO DELLA BIBLIOTECA DI STORIA DELL’ARTE DI MONTEMERANO

Marilena Pasquali terrà la conversazione

IL SEGNO DEL DISINGANNO

GLI ARTISTI E LA GRANDE GUERRA

Nel feroce tritacarne della prima guerra mondiale finirono le forze migliori del Paese, giovani e meno giovani provenienti da ogni classe sociale e da ogni parte d’Italia, e tra questi, anche molti artisti, letterati, musicisti e intellettuali di varia estrazione ed orientamento culturale.

Dell’opera degli anni di guerra di poeti e scrittori si sa tutto o quasi, anche perché in molti casi si è in presenza di figure di primissimo piano nel panorama della letteratura italiana del ventesimo secolo (Ungaretti, Gadda, Campana, Saba, Jahier, Rebora, Lussu).

Si sa poco o pochissimo, invece, degli artisti che con la loro opera hanno documentato in tempo reale la quotidianità e la tragedia di una guerra che di “grande” ha solo il nome e il numero delle vittime.

Riprendendo un suo studio apparso sull’ultimo numero della rivista della Fondazione Ragghianti di Lucca (“Luk”, 25. 2019, maggio 2020) Marilena Pasquali affronta questo tema complesso e sfaccettato avvalendosi di numerose immagini inedite o quasi sconosciute e articolando la conversazione in tre brevi “capitoli”: gli artisti al fronte; gli artisti e la propaganda; gli artisti e la poesia.

A questa conversazione farà seguito, sabato 5 settembre. la presentazione del libro di Roberto Bianchi: 1919: piazza, mobilitazione e potere, importante studio dedicato alle prime conseguenze politiche e sociali della Grande Guerra.

L’incontro avrà inizio alle 21, nel rispetto delle vigenti norme di prevenzione e sicurezza (con prenotazione al 335-7617773).

Coloro che interverranno potranno consumare prima o dopo la conversazione un pasto leggero al Bar del Glicine al prezzo di € 10.