Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

AFGHANISTAN , SOLDATI SENZA CIBO NE' MUNIZIONI E COMANDANTI CORROTTI : COSI' L'ESERCITO ADDESTRATO DALL'OCCIDENTE SI E ARRESO AI TALEBAN

16/08/2021

 

Molti sono stati lasciati per mesi o addirittura anni in avamposti isolati. Quando le posizioni sono crollate questa settimana, la denuncia è stata quasi sempre la stessa: non c'era supporto aereo o erano finiti i rifornimenti. Dietro la disfatta c'è anche la scelta di mettere in piedi una forza moderna le cui complessità logistiche però si sono rivelati insostenibili senza gli Usa e gli alleati Nato. E il numero teorico di uomini a disposizione - 300mila - si è rivelato pesantemente sovrastimato 

 

La disfatta delle forze afgane mentre i combattenti talebani sono diventati i padroni di Kabul fornisce una risposta dura a chiunque si interroghi sul successo di due decenni di sforzi guidati dagli Stati Uniti per costruire un esercito regolare in Afghanistan. Nonostante 90 miliardi di dollari stanziati dagli Usa per l’addestramento dell’esercito afghano, i talebani hanno impiegato poco più di un mese per travolgerlo. Come si sia disintegrato per la prima volta è diventato evidente non la scorsa settimana, ma nei mesi passati in un accumulo di perdite e sconfitte, iniziato anche prima dell’annuncio del presidente Biden che gli Stati Uniti si sarebbero ritirati entro l’11 settembre.

 

È iniziato con la caduta di singoli avamposti nelle aree rurali dove soldati e unità di polizia affamati e senza munizioni circondati da combattenti talebani che hanno promesso loro un “passaggio sicuro” se si fossero arresi e avessero lasciato le loro attrezzature, dando lentamente agli insorti sempre più controllo delle strade, quindi il controllo di interi distretti. La corruzione dilagante, ben documentata in alcune parti della leadership militare e politica dell’Afghanistan, ha minato la determinazione dei soldati di prima linea mal pagati, mal nutriti e riforniti in modo irregolare – alcuni dei quali sono stati lasciati per mesi o addirittura anni in avamposti isolati. Quando le posizioni sono crollate questa settimana, la denuncia è stata quasi sempre la stessa: non c’era supporto aereo o erano finiti i rifornimenti, le munizioni e il cibo.

 

Ma anche prima erano evidenti le debolezze sistemiche delle forze di sicurezza afghane – che sulla carta contavano da qualche parte circa 300.000 persone, ma negli ultimi giorni hanno totalizzato solo un sesto di quelle, secondo i funzionari statunitensi. Queste carenze possono essere ricondotte a numerosi problemi scaturiti dall’insistenza dell’Occidente sulla costruzione di un esercito completamente moderno con tutte le complessità logistiche e di approvvigionamento necessarie e che si è rivelato insostenibile senza gli Stati Uniti e i suoi alleati della NATO. Soldati e poliziotti poi hanno espresso un risentimento sempre più profondo nei confronti della leadership afgana. I funzionari spesso chiudevano un occhio su ciò che stava accadendo, sapendo benissimo che il numero di uomini reali delle forze afgane era molto inferiore a quello che era scritto sui libri, distorto dalla corruzione e dalla segretezza che accettavano tranquillamente.

 

E quando i talebani hanno iniziato a prendere slancio dopo l’annuncio del ritiro degli Stati Uniti, hanno solo aumentato la convinzione che combattere nelle forze di sicurezza – combattere per il governo del presidente Ashraf Ghani – non valesse la pena. Intervista dopo intervista, soldati e agenti di polizia hanno descritto momenti di disperazione e sentimenti di abbandono. “Daresti la vita per dei leader che non ti pagano in tempo e sono solo interessati al proprio futuro?”, si interrogava un ufficiale afgano ascoltato soltanto la scorsa settimana dal New York Times.

 

La seconda città a cadere questa settimana è stata Sheberghan nel nord dell’Afghanistan, una capitale regionale che avrebbe dovuto essere difesa da una formidabile forza sotto il comando del maresciallo Abdul Rashid Dostum, un famigerato signore della guerra ed ex vicepresidente afgano che è sopravvissuto negli ultimi 40 anni della guerra facendo accordi e cambiando fazione con una certa frequenza. Anche un altro importante signore della guerra afghano ed ex governatore, Mohammad Ismail Khan, che aveva resistito agli attacchi dei talebani nell’Afghanistan occidentale per settimane e aveva radunato molti per la sua causa per respingere l’offensiva degli insorti, alla fine si è arreso agli insorti.

 

Dopo aver macinato le ambizioni dell’impero russo e di quello inglese e le mire dei sovietici, ora l’Afghanistan ha tritato anche le aspirazioni americane ed europee. E adesso anche l’Iran dovrà rivedere i suoi piani, il “nemico” ora è schierato anche alle sue spalle.