Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

SALARIO MINIMO? CE LO CHIEDE L'EUROPA

26/11/2021

Da Left

Giulio Cavalli

 

L'istituzione di una retribuzione minima e la contrattazione collettiva qui da noi sono state attaccate da più parti in questi anni perché i valenti liberali hanno provato a convincerci che fossero la rovina dell'economia. L'Europa non sembra essere d'accordo

 

Chissà come sono saltati sulla sedia tutti i finto-europeisti, che usano l’Ue per fomentare la finanza e poi se ne dimenticano quando si tratta di diritti, leggendo che l’Europarlamento ha approvato il mandato concordato dalla Commissione per l’occupazione e gli affari sociali (443 voti a favore, 192 contro e 58 astensioni) per avviare i colloqui con i governi dell’Unione Europea su una direttiva che garantirà a tutti i lavoratori dell’Ue un salario minimo equo e adeguato.

 

Quel salario minimo che da noi è visto come il diavolo perché, si sa, potrebbe turbare il sonno di un’imprenditoria che spesso investe sulla ricerca di schiavi più che investire nella qualità del proprio lavoro, dei diritti e dei prodotti. Chissà come saranno terrorizzati del fatto che l’Europarlamento propone due soluzioni: un salario minimo legale (il livello salariale più basso consentito per legge) o la contrattazione collettiva fra i lavoratori e i loro datori di lavoro. Salario minimo e contrattazione collettiva qui da noi sono state attaccate da più parti in tutti questi anni perché i valenti liberali hanno provato a convincerci che fossero la rovina dell’economia. L’Europa non sembra essere d’accordo.

 

Chissà se qualcuno non si vergognerà di avere cassato il dibattito sul salario minimo qui da noi (dibattito sempre trattato come una fisima di pochi brigatisti dell’economia) e ora gli tocca prendere atto che invece ne stanno parlando tutti.

 

Intanto in Germania stanno portando il salario minimo a 12 euro; 12 euro è il salario medio di un lavoratore italiano. Quindi il più povero in Germania guadagnerà come un italiano medio. Si nota la differenza? A proposito: Banca d’Italia dice che le imprese non crescono perché non investono, mica per il costo del lavoro (lo scrive qui).

 

Quanto deve essere dura fare i conti con la realtà.