Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

VOTO CONTRO ASSANGE DISONORA IL NOSTRO PAESE

04.12.2021

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale
Marco Consolo, Resp area esteri e pace, Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

 

L'altroieri alla Camera dei Deputati è stata bocciata la mozione a favore della concessione dello status di rifugiato politico per Julian Assange. Un voto vergognoso, in linea con i diktat della Casa Bianca, che accomuna tutti i partiti che sostengono il governo Draghi e la finta opposizione di Giorgia Meloni.

Hanno votato contro la destra e il Partito Democratico. Gli ignavi di LEU e M5S si sono astenuti.

Questo è un voto di complicità con la violazione dei diritti umani e l’attacco alla libertà di stampa.

 

Emerge per l’ennesima volta che ormai abbiamo in parlamento uno schieramento trasversale completamente subalterno agli Stati Uniti nel loro aspetto più feroce e disumano. Quello che Stefania Maurizi ha definito IL POTERE SEGRETO può contare su una larghissima maggioranza. I due poli sono in realtà un unico partito della guerra che d’altronde ha varie volte votato insieme.

 

Tra le tantissime rivelazioni di Wikileaks c’erano anche i cablo USA entusiasti per la nascita del Pd. Chissà se leggeremo un giorno quelli sulla conversione del M5S che anche su Assange si rimangia la precedente posizione.

 

Grazie al gruppo “L’alternativa c’è” che ha presentato la mozione e ai parlamentari che l’hanno votata.