Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

UNA CLAMOROSA BOCCIATURA DI QUESTA AMMINISTRAZIONE COMUNALE DA PARTE DEI CITTADINI

Riceviamo e pubblichiamo
16.12.2016

.
<< L’arroganza di questo Sindaco e della sua Amministrazione ha subito un grosso colpo con la sconfitta al referendum nel comune di Santa Fiora. Infatti, in controtendenza rispetto a tutta l’Amiata, a Santa Fiora il fronte del “SI” capeggiato da tutti gli esponenti del PD locale ha subito una sonora sconfitta nonostante il profuso impegno di tutti gli Amministratori, con in testa il Sindaco, schierati davanti ai seggi elettorali ed impegnati in una campagna elettorale che non ha avuto eguali nelle precedenti.
D’altra parte il voto era anche sull'operato di una Amministrazione che, come Renzi, ha venduto ai propri cittadini tante chiacchere, ma che ha realizzato veramente poco a fronte di un introito annuo di 2, 5 milioni di euro per 2600 abitanti. Qualunque Amministrazione con questi soldi, che ormai sono quasi dieci anni che vengono a pioggia su questo comune, avrebbe dovuto rendere “le strade d’oro” e risolvere tutti i problemi del comune. Invece qui chiudono attività commerciali e molti giovani sono costretti ad emigrare in cerca di lavoro con lo spopolamento del comune più ricco della Toscana. Il Teleriscaldamento, oltre i noti problemi, è il servizio più costoso della regione. La realizzazione della piscina coperta, pagata dall'Enel con risorse che dovevano essere utilizzate per altri scopi, sbandierata dal PD per 3 campagne elettorali, segue un iter utile anche per la prossima campagna elettorale, per illudere ancora la gente: insomma una situazione disastrosa nella realtà dei fatti.
Noi siamo stati schierati per il “NO” fin dall'inizio, in una campagna elettorale che non abbiamo mai nascosto avrebbe dato anche un giudizio sull'operato di questa amministrazione con un Comitato per il NO civico, che non si è risparmiato e che ha contribuito a far vincere il “NO”.
Una bocciatura di tutte le politiche e le idee strampalate di questa Amministrazione che sopravvive di rendita, ma che non dà alla cittadinanza né risposte, né tanto meno benessere nonostante i tanti soldi incassati da geotermia, acquedotto e Cosvig: bocciata anche definitivamente la fallimentare proposta di fusione con Castell'Azzara avanzata da un fantomatico Comitato vicino al PD, ma smentita anche dal “niet” deciso del comune di Castell'Azzara stessa.
Da questo voto esce una Amministrazione comunale debole e che rappresenta la minoranza dei cittadini.
Ci auguriamo a questo punto che il Sindaco torni con i piedi per terra e rispetti le prerogative dell’opposizione che, evidentemente, rappresenta la maggioranza dei cittadini di questo comune, mettendo da parte la tracotante arroganza e presunzione che ha caratterizzato fin dall'inizio questa amministrazione comunale. >>
I consiglieri comunali Un Comune per Tutti
Riccardo Ciaffarafà
Giacomo Albertini
Paolo Vichi