Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

VENTI DI GUERRA. GLI EUROPEI SULLA RUSSIA"HANNO SENSIBILITA' DIVERSE" DAGLI USA

POLITICA ESTERA

 

26/01/2022

da  Contropiano

 

Il presidente statunitense Biden, al termine dell’ennesima videoconferenza con i partner europei della Nato ha assicurato di avere “totale unanimità” con gli alleati europei riguardo alla crisi ucraina. Alla videoconferenza hanno preso parte Draghi, Macron, Scholz, Johnson, Duda, il Presidente del Consiglio europeo Michel, la Presidente della Commissione von der Leyen e il Segretario Generale della NATO Stoltenberg.

 

Ma la ostentata sicurezza di “Sleeping Joe” non deve essere proprio granitica. In primo luogo i governi dell’Unione Europea, diversamente da Usa, Gran Bretagna e Canada, hanno già fatto sapere che non intendono ritirare il proprio personale diplomatico o i loro familiari dall’Ucraina a causa del clima di guerra.

 

Inoltre proprio oggi è previsto a Parigi un incontro tra delegazioni ufficiali di Russia, Ucraina, Francia e Germania a livello di consulenti diplomatici.

 

Il vertice di Parigi coinvolge i consiglieri di Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz, il vice primo ministro russo e inviato del Cremlino per i negoziati di pace in Ucraina Dmitri Kozak, e il direttore dell’amministrazione presidenziale del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

 

Questo vertice a quattro – senza gli Stati Uniti – è il formato negoziale cosiddetto “Normandia” che mira ad attuare gli accordi di pace di Minsk del 2015, congelati da tempo. Insomma i principali governi europei puntano apertamente ad una de-escalation per fermare una spirale di guerra di cui proprio l’Europa sarebbe al centro.

 

Una posizione sgradita e sgradevolissima, specie in tempi di scarsità di risorse energetiche affidabili (il gas russo è stato fin qui una certezza).

 

A ben vedere l’analisi della situazione e dei rapporti con la Russia che è costata il posto al Capo di Stato Maggiore  della Marina tedesca, l’ammiraglio Schoenbach, in Europa deve essere meno isolata di quanto si è voluto far credere.

 

Di fronte ad un evidente tentativo di “smarcamento” delle maggiori potenze europee dalla asfissiante e bellicista ipoteca statunitense, il portavoce della segreteria di Stato Usa Ned Price si è affrettato a negare qualsiasi divergenza tra Stati Uniti e Unione Europea. “Non c’è divergenza, nessuna ambiguità”, ha detto “Lo sappiamo e, soprattutto, la Federazione Russa lo sa”, ha insistito Price.

 

Ma l’Eliseo ha fatto sapere che “Ci sono diverse sensibilità in Europa nei confronti della Russia ”, anche se “condividiamo le stesse preoccupazioni, facciamo la stessa osservazione della volatilità” su entrambe le sponde dell’Atlantico.

 

Intanto, però è già in programma la visita a Mosca dell’ambasciatore Pierre Vimont, rappresentante speciale di Emmanuel Macron per la Russia, mentre secondo l’agenzia Reuters questa stessa settimana si svolgerà un colloquio tra Emmanuel Macron, Vladimir Putin e il presidente ucraino Zelenskiy.

 

E, secondo il Sole 24 Ore, qualche segnale arriva dalla stessa Ucraina dove, secondo il ministro della Difesa ucraino Alexei Reznikov – “una minaccia di invasione dell’Ucraina da parte della Russia al momento non esiste“.

 

Reznikov lo ha detto in un’intervista alla televisione Ictv di Kiev. «Ci sono scenari rischiosi, sono possibili in termini di probabilità in futuro», ha aggiunto Reznikov, «ma ad oggi una tale minaccia non esiste». «Fino ad oggi – ha insistito – le forze armate russe non hanno creato unità d’attacco tali da mostrare che siano pronte ad un’offensiva domani».

 

Ma altre crepe e contraddizioni si vanno aprendo anche nella “periferia” dell’Unione Europea. Mentre il premier Polacco, Mateusz Morawiecki, si dice «preoccupato» per le mosse tedesche nei confronti di Mosca – la ministra degli Esteri tedesca Baerbock, incontrando il suo omologo russo Lavrov, ha dichiarato che “non c’è alternativa ai buoni rapporti tra la Russia e la Germania” – la Croazia ha annunciato che ritirerà i suoi soldati dalle missioni della Nato nella regione in caso di un conflitto tra Ucraina e Russia.

 

A dichiararlo è stato il presidente croato, Zoran Milanovic: “Se ci sarà un’escalation ritireremo fino all’ultimo militare croato”. Secondo Milanovic, “questa crisi non ha nulla a che fare con Ucraina e Russia, ha a che fare con le dinamiche della politica interna degli Stati Uniti” e il presidente statunitense Joe Biden “che io ho sostenuto” sta attuando un “comportamento pericoloso in materia di sicurezza internazionale”.

 

Il presidente croato ha poi criticato il premier croato, Andrej Plenkovic, secondo cui la Croazia è pronta a sostenere l’Ucraina. “Può minacciare la Russia quanto vuole, ma l’Ucraina non fa parte della Nato ed è uno dei Paesi più corrotti in Europa per cui l’Ue dovrebbe stare fuori da questa crisi”, ha dichiarato Milanovic.