Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

MORTI SUL LAVORO: UNA STRAGE CONTINUA

LAVORO E DIRITTI

 

01.02.2022

da Il Fatto Quotidiano

 

Tre morti sul lavoro in pochi minuti: a Venezia 50enne cade da un’impalcatura, a Mantova travolto un agricoltore. Un decesso a Sora

 

Un operaio di circa 50 anni è morto in mattinata all’interno dell’azienda “Ecoprogetto” di Fusina (Venezia), dopo essere precipitato da un’impalcatura. I sanitari del Suem 118, il Servizio Sanitario di Urgenza ed Emergenza in Italia, intervenuti sul posto, hanno cercato invano di rianimarlo e non hanno potuto fare altro che constatare il decesso, avvenuto all’istante. Sul posto è intervenuta la polizia ed è stato attivato contestualmente lo Spisal, il Servizio prevenzione igiene sicurezza ambienti di lavoro.

Sempre nel corso della mattinata un agricoltore di 56 anni è morto a Castiglione delle Stiviere, nel Mantovano, travolto dal mezzo agricolo che stava conducendo. L’uomo è morto prima dell’arrivo dei soccorsi del 118. Sul posto anche carabinieri, vigili del fuoco e personale dell’Ats che dovranno chiarire la dinamica della tragedia. Secondo le prime informazioni l’uomo, contitolare con il fratello di un’azienda agricola che si trova a Grole, frazione di Castiglione delle Stiviere, stava tornando verso la cascina a bordo di un muletto. Lungo la strada sterrata tra i campi che stava percorrendo, rialzata rispetto al piano di campagna, il 56enne avrebbe perso il controllo del carrello elevatore. Il mezzo è finito fuori strada lungo la scarpata piegandosi su un fianco e travolgendo l’agricoltore, rimasto incastrato tra i montanti del muletto.

 

E ancora, nella provincia di Frosinone – Sora – un operaio ha perso la vita colpito da una lastra volata a causa dal forte vento. È accaduto intorno alle 8.30 nella ditta Sider Lazio che si occupa di recupero materiali. L’uomo, secondo le ricostruzioni, è morto sul colpo. Sul posto per le indagini i carabinieri: parte della ditta è stata posta sotto sequestro.

 

L’Inail ha di recente diffuso i dati sul numero dei decessi riferiti all’anno 2021: le denunce sono state 1.221. Meno rispetto al 2020 – quando i decessi per Covid contratto sul lavoro hanno pesato moltissimo – ma di più rispetto agli anni precedenti (erano stati 1.156 nel 2019, 1.218 nel 2018, 1029 nel 2017, 1104 nel 2016). Il numero era stato maggiore solo nel 2015, con 1.286 morti.

 

Cosa fa il Governo ed il Ministro del Lavoro? PAROLE, PAROLE,PAROLE