Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

CINA: “SONO STATE LE AZIONI DI NATO E USA A SPINGERE PER LA GUERRA TRA RUSSIA E UCRANIA

POLITICA ESTERA  

 

09/03/2022

da Contropiano

 

Non ha usato mezzi termini Zhao Lijian, portavoce del ministro degli Esteri cinese: “Sono state le azioni della Nato guidata da Washington che hanno gradualmente spinto” Russia e Ucraina fino al punto di rottura.

 

“Ignorando le proprie responsabilità”, ha continuato Zhao Lijian, “gli Usa accusano invece Pechino della propria presa di posizione sulla vicenda e cercano margini di manovra nel tentativo di sopprimere la Cina e la Russia, per mantenere la propria egemonia”.

 

Sul fronte delle sanzioni la Cina ha sottolineato come non abbiano fondamento nel diritto internazionale. “Non porteranno pace e sicurezza” ha detto Zhao Lijian “ma avranno la sola conseguenza di provocare gravi difficoltà all’economia e ai popoli dei Paesi interessati intensificando ulteriormente la divisione e il confronto”.

 

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi era intervenuto due giorni fa proprio sui rapporti della Cina con Mosca. Il capo della diplomazia di Pechino aveva parlato di “amicizia duratura” con la Russia, un’amicizia che è “solida come una roccia”, affermando che i due Paesi contribuiscono a portare “pace e stabilità” nel mondo”.

 

La Cina si è detta però disponibile a “fare le necessarie mediazioni” e “a partecipare alla “mediazione internazionale” sulla guerra in Ucraina. Il ministro degli Esteri Wang Yi aveva infatti affermato che Pechino è pronta a continuare a svolgere “un ruolo costruttivo per facilitare il dialogo e per la pace, lavorando a fianco della comunità internazionale per svolgere la necessaria mediazione”.

 

Ieri infatti il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno avuto un incontro con il leader cinese Xi Jinping, in video conferenza. Pechino ha chiesto di “lavorare insieme” per ridurre le conseguenze della crisi,  bocciando però le sanzioni “che avranno un impatto negativo sulla stabilità della finanza globale, dell’energia, dei trasporti e delle catene di approvvigionamento”, trascinando al ribasso “l’economia mondiale, che è sotto il pesante impatto della pandemia” del Covid-19 e “saranno dannose per tutte le parti”. Xi Jinping ha poi chiesto la “massima moderazione” sulla crisi.

 

La Società della Croce Rossa cinese, ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, ha inviato un lotto di materiali per aiuti umanitari, inclusi cibo e necessità quotidiane, per un valore complessivo di cinque milioni di yuan (circa 723mila euro). Il lotto, ha aggiunto Zhao Lijian, è stato spedito oggi da Pechino, e sarà consegnato in Ucraina “il prima possibile”.

Cina: “Sono state le azioni di Nato e Usa a spingere per la guerra tra Russia e Ucraina”

Rifondazione Santa Fiuora