Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

RIFONDAZIONE IN PIAZZA CONTRO LA GUERRA

POLITICA NAZIONALE      |     MANIFESTIAMO PER LA PACE      |      POLITICA ITALIANA

 

20/03/2022

Rifondazione  Comunista 

 

Anche ieri  presidi e manifestazioni per esprimere il nostro più totale dissenso rispetto alle scelte di guerra del parlamento e del governo italiano.

La risposta della NATO, dell’UE e dello stesso governo italiano alla sciagurata e ingiustificabile invasione russa dell’Ucraina non fa che alimentare il conflitto e aumentare il numero delle vittime.

Governo e parlamento hanno portato l’Italia a assumere un ruolo di co-belligeranza che contrasta con l’articolo 11 della Costituzione. Dagli aeroporti di Pomezia e Camp Darby a Pisa partono ogni giorno carichi di armi.

 

Non solo gli aeroporti militari ma anche quello civile a Pisa è stato coinvolto nel carico e trasporto di armi tra gli “aiuti umanitari”.

 

Come abbiamo rivelato all’opinione pubblica nazionale, dopo decenni una circolare dello Stato Maggiore mette in allerta il nostro esercito sul territorio nazionale. Il generale Goretti, davanti alle commissioni difesa di Camera e Senato, ha ammesso che corriamo il rischio di essere coinvolti direttamente nel conflitto in caso di sconfinamento degli Eurofighter italiani che operano al confine dell’Ucraina.
Il voto della Camera a favore dell'aumento delle spese militari dimostra che in parlamento c'è il partito unico della NATO e della guerra.

 

Portare la spesa militare da 25 a 38 miliardi annui è uno schiaffo a milioni di italiane/i che da anni subiscono le conseguenze dei tagli alla spesa sociale e sanitaria.

 

E’ una scelta che deriva dal servilismo verso la NATO e gli USA del nostro governo e delle forze politiche che lo sostengono.