Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

Tu sei qui

«VANTARSI DI UCCIDERE I GENERALI RUSSI E INNAMORARSI DELL'UCRAINA E' UNA FOLLIA » SECONDO IL NY TIMES

POLITICA ESTERA

 

09/05/2022

Giulio Cavalli

Da Left

 

Vale la pena rileggere l’editoriale di Thomas L. Friedman, editorialista del NY Times vincitore di due premi Pulitzer. Parole che qui da noi varrebbero l’accusa di filo-putinismo nel tempo di un amen ma che rendono perfettamente l’idea. Anche perché qui da noi nel cassetto dei filo-putiniani ci sono finiti De Benedetti, Delrio, Bersani, Conte, Canfora, Sergio Romano, Michele Santoro, Nico Piro, Cecilia Sala, l’Anpi e Papa Francesco. Tanto per dire come siamo messi. Scrive Thomas L. Friedman:

 

«… Ma sono cittadino americano e voglio che stiamo attenti. L’Ucraina era, ed è tuttora, un paese coperto di corruzione. Ciò non significa che non dovremmo aiutarlo. Sono contento che lo stiamo facendo. Insisto che lo facciamo. Ma la mia sensazione è che la squadra di Biden stia camminando molto più sul filo del rasoio con Zelensky di quanto sembrerebbe ad occhio, volendo fare tutto il possibile per assicurarsi che vinca questa guerra, ma facendolo in un modo che mantenga ancora una certa distanza tra noi e la leadership ucraina. È così che Kiev non sta prendendo l’iniziativa e quindi non saremo imbarazzati dalla politica ucraina disordinata all’indomani della guerra.

 

[…]

 

Allora, dove siamo adesso? Il Piano A di Putin – prendere Kiev e insediare il proprio leader – è fallito. E il suo Piano B, che cerca solo di prendere il pieno controllo del vecchio cuore industriale dell’Ucraina, noto come Donbas, che è in gran parte di lingua russa, è ancora in dubbio. Le forze di terra appena rinforzate di Putin hanno fatto qualche progresso, ma sono ancora limitate. È primavera nel Donbas, il che significa che il terreno a volte è ancora fangoso e umido, quindi le forze armate russe devono ancora rimanere su strade e autostrade in molte aree, rendendole vulnerabili.

 

Mentre l’America naviga tra Ucraina e Russia e cerca di evitare di essere intrappolata, un punto luminoso nello sforzo di evitare una guerra più ampia è il successo dell’amministrazione nell’impedire alla Cina di fornire aiuti militari alla Russia. Questo è stato enorme.

 

Dopotutto, era solo il 4 febbraio quando il presidente cinese, Xi Jinping, ha ospitato Putin all’apertura dei Giochi Olimpici invernali del 2022, dove hanno svelato tutti i tipi di accordi commerciali ed energetici, e poi hanno rilasciato una dichiarazione congiunta affermando che l’amicizia tra Russia e Cina “ non ha limiti. 

 

Quello è successo allora. Dopo l’inizio della guerra, Biden ha spiegato personalmente a Xi in una lunga telefonata che il futuro economico della Cina si basa sull’accesso ai mercati americano ed europeo – i suoi due maggiori partner commerciali – e se la Cina fornisse aiuti militari a Putin, avrebbe avuto conseguenze molto negative per il commercio della Cina con entrambi i mercati. Xi ha fatto i conti ed è stato dissuaso dall’aiutare la Russia in qualsiasi modo militare, il che ha anche reso Putin più debole. Le restrizioni occidentali sulla spedizione di microchip in Russia hanno iniziato a far arrancare davvero alcune delle sue fabbriche e la Cina non è intervenuta, finora.

 

La mia linea di fondo riecheggia la mia linea superiore – e non posso sottolinearlo abbastanza: dobbiamo attenerci il più strettamente possibile al nostro obiettivo originale, limitato e chiaramente definito di aiutare l’Ucraina a espellere il più possibile le forze russe o negoziare per il loro ritiro ogni volta che i leader dell’Ucraina sentono che è il momento giusto.

 

Ma abbiamo a che fare con alcuni elementi incredibilmente instabili, in particolare un Putin politicamente ferito. Vantarsi di aver ucciso i suoi generali e di affondare le sue navi, o innamorarsi dell’Ucraina in modi che ci invischieranno lì per sempre, è il culmine della follia».

 

Nella foto: il presidente ucraino Zelensky in collegamento con il Congresso Usa, 16 marzo 2022