Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

L’ITALIA E' L'UNICO PAESE EUROPEO IN CUI I SALARI SONO DIMINUITI

LAVORO E DIRITTI 

 

19/05/2022

di Stefano Porcari

da Contropiano

 

In materia di salari l’Italia è decisamente il paese peggiore a livello europeo. Da una proiezione sugli ultimi trenta anni emerge che solo nel nostro paese i salari sono calati nei 30 anni che vanno dal 1990 al 2020. Per l’esattezza le retribuzioni annuali medie hanno registrato una contrazione del 2,9%, percentuale che peraltro non tiene conto degli effetti della pandemia e della crisi geopolitica in corso. Il dato (calcolato dall’Ocse) viene misurato in dollari americani a prezzi costanti. Sul tema è tornata a scrivere oggi Milano Finanza con un articolo di Luca Gualtieri sottolineando che “dalla povertà relativa alla fuga dei cervelli molti problemi italiani passano dai salari”.

 

In Italia si è assistita ad una vera e proprio controtendenza. Tutti gli altri paesi dell’Eurozona infatti hanno registrato una dinamica positiva dei salari, a partire dalla Grecia che, tra il 1990 e il 2020, ha messo a segno un +30,5%, mentre la Spagna è cresciuta del 6,2%.

 

Non solo. Nell’Europa “periferica” come i paesi baltici (Estonia, Lettonia e Lituania) il salario medio annuale è più che triplicato negli ultimi 25 anni, mentre in alcuni paesi dell’Europa centrale (Ungheria, Slovacchia) è raddoppiato.  In Italia invece ad un periodo di crescita registrato tra il 1994 e il 2010 è seguita una fase di declino dei salri, culminata appunto con i dati del 2020, anno della pandemia Covid. La stagnazione salariale fa peraltro ovviamente il paio con quella del Pil.

 

Ed ora ci troveremo a fare i conti con l’approfondimento della recessione pre e post pandemica, dovuto all’aumento dei prezzi energetici, alle conseguenze delle sanzioni alla Russia e alla guerra. Sarebbe urgente avviare una “controtendenza” rispetto alla controtendenza italiana che ha visto precipitare i salari di lavoratrici e lavoratori italiani rispetto al resto dei paesi europei.