Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

CIVITANOVA MARCHE, TROPPO COMODO CHIAMARLA INDIFFERENZA

POLITICA NAZIONALE  |   POLITICA  ITALIANA  |   RAZZISMO

 

31/07/2022

da Contropiano

di Marco Ferri

 

La cosa peggiore che si possa fare è coprire il cadavere, percosso e asfissiato, di Alika con un ipocrita velo di sociologia da ombrellone.

 

Sono anni che la destra italiana infesta le campagne elettorali di xenofobia: essere un immigrato è una “colpa”, è stato detto in ogni occasione, in ogni dialetto. Guai all’accoglienza.

 

Sono anni che la destra ha fatto della povertà un problema di ordine pubblico: essere poveri è una colpa, che va perseguitata dalle ronde, dalla polizia locale, dal disprezzo collettivo. Guai alla solidarietà.

 

È in questo mefitico clima che è possibile che un consigliere comunale spari a un disgraziato di nazionalità marocchina a Voghera, e la passi liscia.

 

È in questo buio in cui brancola la coscienza civile che è possibile che un disgraziato ammazzi di botte e strangoli, con le sue mani, un disgraziato con un diverso colore della pelle, in pieno giorno, davanti a tutti. Come davanti a tutti Luca Traini andò a caccia di “negri” a Macerata, nel 2018.

 

Nessuno è intervenuto, perché è stata la rappresentazione plastica di quella che per anni è stata idealizzata dalla destra come la panacea di tutte le contraddizioni, per cui si è chiesto il voto e promesso di “togliere di mezzo” migranti e mendicanti.

 

A forza di rincorrere le politiche securitarie, le forze politiche “progressiste” – loro sì – sono diventare indifferenti; loro, sì, assistono senza intervenire.

 

Che fine ha fatto l’abolizione del reato di immigrazione clandestina? E lo ius soli? E il salario minimo? Dove sono finiti i soldi per finanziare programmi di assistenza sociale per i più deboli, fragili, problematici?

 

Dove è finita la capacità politica di mobilitare lavoratori, giovani, donne, intellettuali contro la deriva autoritaria e fascistoide sui territori? Dove sono politiche sociali di inclusione sociale? Dov’è finito lo Stato sociale?

 

In un paese in cui si assiste ogni giorno al capovolgimento della lotta di classe (guai al salario minimo garantito!), anche l’odio di classe ha preso una nuova dinamica sociale (guai al “reddito di cittadinanza”).

 

Alika era un colpevole predestinato, perché essere povero e immigrato allo stesso tempo è il massimo possibile dell’abiezione, la rappresentazione iconica “del degrado”.

 

L’odio alimentato contro Alika è sempre stato utile – molto utile – per eleggere sindaci-sceriffi.

 

Il fatto è che quei cittadini sono diventati assuefatti ai soprusi e alle ingiustizie il giorno in cui hanno scelto di votare sceriffi fascisti, come quello di Civitanova Marche.

 

Non è indifferenza, chiamatela destra, un’infezione sociale perniciosa. Perché in Italia la destra è fascista. E questo non è un “futile motivo”.

 

 * Noi e l’Autore ci rifiutiamo di pubblicare una delle foto di chi è stato a guardare.