Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

IN POCHE ORE IN ITALIA QUATTRO MORTI SUL LAVORO

LAVORO E DIRITTI  |   MORTI SUL LAVORO

 

25/08/2022

da Ansa

 

Nel Veronese, nel Milanese e nel Tarantino: avevano 42, 52, 55 e 59 anni

 

Altri quattro incidenti mortali sul lavoro in Italia: nel Veronese, nel Milanese, nel Cremonese e nel Tarantino

Nel Veronese, un operaio di 42 anni è stato investito e ucciso mentre stava tagliando l'erba in un'aiuola sulla Strada statale 434 Transpolesana.

 

L'incidente è avvenuto nel territorio comunale di Isola Rizza (Verona).

 

L'uomo stava tagliando l'erba nei pressi di un'area di servizio ed è stato investito da un furgone. Lungo la carreggiata Sud, in direzione di Rovigo. Inutili i soccorsi dei sanitari del 118, intervenuto con i Vigili del fuoco. Da una prima ricostruzione dei carabinieri, il conducente ha perso il controllo ed è sbandato investendo l'operaio che stava lavorando nell'aiuola sul lato destro della carreggiata. I vigili del fuoco arrivati da Verona hanno estratto la vittima ancora incastrata sotto il mezzo, purtroppo nonostante i soccorsi il medico del Suem ha dovuto dichiarare la morte dell'uomo. Ferito il conducente del furgone, assistito dai sanitari e trasferito in ospedale.

 

Nel Milanese, un operaio di 52 anni è morto  poco dopo le 5 in una ditta di logistica di Buccinasco, nel Milanese. Secondo quanto riportato dal personale sanitario, l'uomo sarebbe stato schiacciato da un macchinario e non è ancora chiaro se avesse prima avuto un malore. Sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118, che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso, e i carabinieri della compagnia di Corsico.

 

Nel Tarantino,  l'incidente mortale è avvenuto in un'azienda agricola di Massafra, specializzata nella produzione di agrumi. Vittima un dipendente di 55 anni. L'uomo era ai comandi di un trattore che, durante lavori di aratura, si è ribaltato per cause in corso di accertamento, schiacciandolo. Il lavoratore è morto sul colpo. Sul posto il 118, gli ispettori dello Spesal (servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro) dell'Asl e i carabinieri che hanno avviato le indagini per accertare la dinamica dell'accaduto e stabilire le responsabilità.

 

Nel Cremonese, stava camminando sul tetto del capannone di sua proprietà quando un pannello della copertura ha ceduto e Giordano Cicognani, imprenditore di 59 anni, è caduto nel vuoto: un volo di cinque metri che non gli ha lasciato scampo. E' quanto accaduto in una azienda di Offanengo (Cremona), e all'arrivo del personale medico del 118 le sue condizioni erano già disperate. Inutili i tentativi di rianimarlo, vano l'intervento dell'elisoccorso, che decollato da Bergamo e atterrato nel parcheggio adiacente la zona del dramma ed è ripartito vuoto.

 

LOTTIAMO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO  E  CONTRO LO SFRUTTAMENTO