Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

«NON PAGHIAMO»,PARTE LA DISOBBEDIENZA AL CARO BOLLETTE

POLITICA NAZIONALE  |  POLITICA ITALIANA

 

08/09/2022

 

LA PROTESTA. «Senza un intervento per contenere i costi, dal 30 novembre stop ai pagamenti». In Italia una campagna sul modello della britannica «don't pay»

«Stop aumenti, è ora di dire basta».

 

A dirlo è una neonata campagna contro il caro bollette lanciata lunedì scorso. Dal sito nonpaghiamo.it annuncia: se i costi non scenderanno a un livello accessibile entro il 30 novembre, scatterà lo stop ai pagamenti. Le proposte: tassare extraprofitti e grandi patrimoni, farla finita definitivamente con le fonti fossili attraverso un programma di emergenza. In poche ore le adesioni hanno superato quota 1.500.

 

La campagna per ora è anonima e punta a organizzare assemblee territoriali, in cui coinvolgere i cittadini maggiormente colpiti dai rincari. Il modello è «don’t pay», analoga protesta partita nei giorni scorsi in Uk. Conta già quasi 200mila adesioni. Secondo uno studio di Opinion Research citato dal Times 1,7 milioni di britannici smetterebbero di pagare le bollette da ottobre in assenza di un intervento contro gli aumenti. La metà sarebbe stata convinta da dontpay.uk..

 

Tra le richieste: ritorno ai prezzi di aprile 2021; costi progressivi delle bollette in base al reddito, sul modello del fisco; sostegno economico agli spazi comunitari (scuole, centri sociali, pub ed edifici religiosi). «Quest’inverno nessuno deve sentire freddo», scrivono gli attivisti.

 

Un forte movimento contro i prezzi inaccessibili di bollette e pedaggi autostradali esplose in Grecia durante la crisi del 2010 («den plirono», cioè non «pago»). Negli anni ’70 in Italia la connessione tra movimenti extra-parlamentari, lavoratori di società pubbliche (come Enel e Sip) e cittadini scatenò un’ondata di autoriduzioni di bollette elettriche, tariffe telefoniche e biglietti dei mezzi pubblici.